Musica

Le canzoni rap che hanno previsto il futuro

Spulciando nei testi più famosi del rap emergono due fattori: il primo è che qualcuno ci vede lungo, il secondo...

tupac

Matteo Politanò

-

Gli esempi di premonizione nel rap non possono che iniziare dall'incredibile storia che riguarda Tupac, una delle icone del genere che due mesi prima di essere ucciso in una sparatoria a Los Angeles nel 1996 scrisse il brano Niggaz done changed: "I been shot and murdered, can tell you how it happened word for word" che si traduce "Sono stato sparato e assassinato, ti posso dire come è accaduto parola per parola".

Da brividi anche la premonizione di Proof che nel 2006 descrisse la sua morte nel dettaglio: "Sono nel club, devi uccidermi lì". Proof fece la parte dell'assassinato in un club nel video Toy Soldiers con Eminem, la stessa morte che avrebbe trovato pochi mesi dopo, ad aprile 2006.

Il rapper Killah Priest nel 1998 scriveva nel brano Information "Our telephone conversations will be automatically wiretapped / And transcribed by the National Security Agency", che suona come "Le nostre conversazioni telefoniche verranno automaticamente intercettate / e trascritte dall'Agenzia di Sicurezza Nazionale". In poche parole aveva previsto il Patriot Act del 2001 che seguì gli attentati dell'11 settembre.

In Italia è obbligatorio partire da 2030 degli Articolo 31, il testo che nel 1996 racconta l'Italia del futuro: "l'Italia ha venduto il Colosseo alla Francia, Venezia affonda, 2030 e un giorno si e uno si scoppia una bomba, 2030 e stiamo senza aria, ma odio ce ne abbiamo in abbondanza". 

Spunti curiosi di discussione arrivano anche da Marracash e dal suo brano Freestyle del 2013 dove dice "tutto è possibile se ce l’ha fatta Marracash con una track assieme ad Ax e dj Gruff". Il riferimento è alla faida tra J-Ax e dj Gruff, uno dei tormentoni del rap anni '90 che effettivamente sfociò poi in una collaborazione nel brano Il mio nemico. Più complottista invece la teoria sulla rima seguente: "compatisco chi mi invidierà e mi rinnegherà nella scena io già li vedo nella sfera". Singolare che poi la scena sia stata monopolizzata proprio da un artista che si chiama Sfera, Ebbasta.

In Usa anche Notorious B.I.G aveva previsto la sua morte con un primo album dal titolo Ready to die, "Pronto a morire" che era stato seguito da un profetico Life after Death, "Vita dopo la morte" che fu poi pubblicato postumo.

Nel 2007, Game e Lil Wayne, quattro anni prima della morte di Osama bin Laden e un anno prima che Barack Obama fosse stato eletto presidente, cantavano: "Mi sento come un democratico nero, Barack Obama, l'unico che può catturare Osama". 

La conclusione: 

Abbiamo spulciato i testi di tanti rapper, dagli anni 2000 ad oggi, e ne abbiamo dedotto che in pochi hanno scelto come argomento il futuro. Proprio per questo 2030 è un brano così originale e unico nella storia del rap italiano, un genere dove si punta di più a parlare e (auto) celebrare il presente piuttosto che fantasticare sul mondo che sarà. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ghali e la storia di un album che si chiama Album

Esce oggi il primo disco del rapper milanese di origine tunisina, una pioggia di colori sulla musica italiana - L'intervista

Il ritorno di Fred De Palma: «Adìos Freestyle, adesso canto»

Il rapper torinese anticipa l'uscita del nuovo disco con un singolo dalle sonorità latine: «Ma nell'album ci sarà tanto rap»

Il tour di Salmo conquista l'Europa: storia di un predestinato

Dai sogni facendo il lavapiatti al successo internazionale: la storia di Maurizio Pisciottu, l'artista che ha cambiato (di nuovo) il rap in Italia

Il ritorno di Ensi: «Tutto il mondo è quartiere, vi racconto il mio»

Il freestyler più forte d'Italia ci racconta il suo ritorno con un nuovo album dopo tre anni dall'ultimo "Rock Steady"

Davide Shorty, da X-Factor al primo album "Straniero": l'intervista

La passione per l'hip hop, la nuova vita a Londra e le coraggiose scelte dopo il talent: l'artista soul siciliano ci racconta la sua storia

Commenti