Gabriele Antonucci

-

Se c’è un gruppo che, più di ogni altro, incarna il suono contemporaneo, meticcio e sfuggente, moderno ma al tempo stesso vintage, è quello degli Arcade Fire. La band canadese, in soli 12 anni di attività e quattro album, ha messo d’accordo sia il pubblico dell’indie che quello radiofonico, con un sottile gioco d’equilibrismo tra glam rock, new wave, dance e poliritmie caraibiche.

Gli Aracade Fire sono stati più volte lodati da mostri sacri come David Bowie, Bono Vox, Bruce Spingsteen e Chris Martin. Quest’ultimo, leader dei Coldplay, si è spinto più in là, definendo il gruppo capitanato dai coniugi Win Butler e Régine Chassagne «la più grande band del mondo».

Merito sicuramente dei loro ormai celebri concerti, dove emerge tutto il loro eclettismo e la loro contagiosa energia, e del successo di pubblico e critica di Reflektor del 2013, album-kolossal suddiviso in due dischi, con la foto della celebre scultura Orfeo e Euridice di Rodin in copertina, trascinato dai singoli Here comes the night time, We exist e dalla title track Reflektor.

Buone notizie per i fan della band canadese capitanata da Win Butler e Régine Chassagne, che sarà in concerto lunedì 17 luglio al Milano Summer Festival (Ippodromo SNAI - San Siro) e martedì 18 luglio al Firenze Summer Festival alla Visarno Arena (Ippodromo del Visarno – Firenze).

I biglietti saranno disponibili in prevendita su www.iovado.club e My Live Nation dalle ore 11.00 del 15 Febbraio e dalle ore 11.00 del 16 Febbraio su www.ticketone.it.

Gli Arcade Fire hanno diffuso proprio in questi giorni il singolo I Give You Power (che potete ascoltare qui sotto), registrato con la grande vocalist soul Mavis Staples. Per volontà della formazione canadese tutti i proventi del brano andranno all’American Civil Liberties Union, organizzazione no-profit che sostiene la difesa dei diritti civili in America.

Gli Arcade Fire saranno headliner nei principali festival europei come il Primavera Sound, Roskilde Festival, Isle Of Wight.

© Riproduzione Riservata

Commenti