Apple, a settembre torna l'iTunes Festival di Londra

Rinnovato l'appuntamento di 30 giorni di musica gratuita. Tra i nomi più attesi: Maroon 5 e Pharrell Williams  

I Maroon 5. Si esibiranno l'11 settembre – Credits: Courtesy of Apple

Marco Morello

-

«Wake me up when september ends», «svegliami quando finisce settembre» cantavano i Green Day quasi due lustri fa in una ballata diventata l’icona della malinconia post-ferie. E però, rimanendo in tema di musica, c’è un appuntamento che da otto anni ci prende per mano e ci accompagna, attutendone il trauma, verso l’autunno incombente: l’iTunes Festival di Londra. La rassegna targata Apple di musica gratuita – per il pubblico di fortunatissimi che riescono a vincere i biglietti, ma soprattutto per i milioni di fan collegati in diretta streaming – che si svolge nella leggendaria, scenica, intima Roundhouse del quartiere Camden, storico palcoscenico sul quale si sono alternati Rolling Stones, Led Zeppelin, Jimi Hendrix e altre valanghe di mostri sacri.
  
«L’iTunes Festival torna con un’altra incredibile line-up di artisti di livello mondiale e nuove fantastiche performance» spiega Eddy Cue, vicepresidente senior Internet Software and Services di Apple. La mela, da sempre, spazia tra i generi, seleziona e riunisce i nomi più in vista sulla scena o quelli intramontabili, per accontentare i gusti di tutti. Includendo autorità della dance come Calvin Harris o David Guetta («Preparatevi. La festa sta per cominciare» promette Guetta), e persino idoli delle ragazzine come i 5 Seconds of Summer («Anche se veniamo dall’Australia, sappiamo bene che location iconica sia la Roundhouse… e ci piacciono le sfide» dicono); fino a superlative sicurezze: da Robert Plant  a Beck. O ex esordienti locali giovanissimi, come Sam Smith. Il suo singolo ipnotico, «Money on my mind», veleggia verso i 30 milioni di clic su YouTube.    

Tra le performance più attese, come minimo per l’eco che l’accompagnerà, c’è senz’altro quella dei Maroon 5, in programma l’11 settembre: il loro nuovo album «V», anticipato dal singolo «Maps» che sta martellando nelle radio, è atteso proprio a inizio settembre. Di fatto, quella londinese, dovrebbe essere la prima uscita live dopo la pubblicazione. «Io e i ragazzi siamo elettrizzati all’idea di esibirci all’iTunes Festival quest’anno. È una kermesse incredibile» commenta Adam Levine, il leader del gruppo statunitense. Che sarà preceduto, il giorno prima, il 10 settembre, dal poliedrico Pharrell Williams, ormai star assoluta della musica (e non solo).

Tutte le esibizioni, 60 in totale, saranno visibili in diretta o on-demand sul proprio iPhone, iPad o iPod touch, su iTunes sul proprio computer o in alta definizione su Apple TV. Il calendario è ancora in via di definizione, visto che del mese di concerti previsti l’elenco è completo all’incirca per un terzo, dunque non mancheranno altre numerose sorprese. Questa, intanto, la line-up dei nomi confermati.

Settembre 2: Beck
Settembre 3: David Guetta
Settembre 4: 5 Seconds of Summer
Settembre 5: Kasabian
Settembre 7: Calvin Harris + Kiesza
Settembre 8: Robert Plant    
Settembre 9: Sam Smith
Settembre 10: Pharrell Williams + Jungle
Settembre 11: Maroon 5
Settembre 16: Blondie + Chrissie Hynde
Settembre 27: Kylie

Tutti ottimi motivi per restare svegli, o almeno con le orecchie tese, fino alla fine di settembre.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I 20 concerti da non perdere quest'estate

Da Nile Rodgers a Pharell Williams passando per Neil Young e Arctic Monkeys 

iTunes Festival, ecco tutti i modi per seguirlo in streaming

Da Lady Gaga a Katy Perry, un mese di musica targato Apple. Piccola guida per non perdere nemmeno un'esibizione

Commenti