Musica

Antonello Venditti : il 21 aprile esce "Tortuga"

Il 5 settembre il cantautore sarà protagonista del concerto-evento allo Stadio Olimpico di Roma

Antonello Venditti

Gabriele Antonucci

-

Nel suo caso il detto “nemo propheta in patria” fa un'evidente eccezione. Antonello Venditti è riuscito a legare indissolubilmente il suo nome all’amata Roma, osservata in ogni suo angolo attraverso le lenti gialle dei suoi inseparabili Ray-Ban a goccia.

Una città di cui ha cantato le bellezze mozzafiato, i trionfi sportivi, ma anche le contraddizioni e le tensioni sociali, che continua ad essere un’inesauribile fonte di ispirazione anche nel suo nuovo album Tortuga, atteso il 21 aprile nei negozi fisici e digitali e già in pre-order su iTunes e Amazon.

Anticipato dal singolo Cosa avevi in mente e prodotto dallo stesso cantautore insieme ad Alessandro Canini, Tortuga è il diciannovesimo album di studio di Venditti con nove brani inediti: Cosa Avevi In Mente; Non So Dirti Quando; Tienimi Dentro Te; Nel Mio Infinito Cielo Di Canzoni; I Ragazzi Del Tortuga; Ti Amo Inutilmente; Attento A Lei; L’ultimo Giorno Rubato; Tortuga.

Il 20 aprile parte da Roma l’instore tour in cui Venditti presenterà e firmerà le copie di Tortuga. Questi gli appuntamenti: il 20 aprile a Roma (ore 18.30 c/o Feltrinelli di Via Appia Nuova 427); 23 aprile a BOLOGNA (ore 18.00 c/o Feltrinelli di Piazza Ravegnana 1); 24 aprile a Milano (ore 18.30 c/o Feltrinelli di Piazza Piemonte 2); 29 aprile a Bari (ore 18.30 c/o Feltrinelli di Via Melo); 30 aprile a Napoli (ore 18.00 c/o Feltrinelli di Via Santa Caterina a Chiaia, 23).

C’è grande attesa, da parte dei suoi affezionati fan,  per il concerto-evento allo Stadio Olimpico di Roma del 5 settembre, che segnerà il ritorno live del cantautore nella sua amata città, e per quello del 17 settembre nel suggestivo scenario del Teatro Antico di Taormina. A novembre, infine, prenderà il via il tour invernale nei palasport.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Il Primo Maggio pacifico del popolo

Da Atene a Kiev, da Londra a Varsavia fino a Singapore i volti, le bandiere, i cortei della gente scesa in piazza (senza violenza) per rivendicare il diritto al lavoro

I 75 concerti da non perdere nel 2015

Dagli Ac/Dc agli U2, da David Gilmour a Bob Dylan, senza dimenticare i nostri artisti.

Commenti