Musica

Addio a David Zard, promoter delle star e dei grandi musical

Il produttore è stato il primo a portare in Italia Michael Jackson, Elton John, Frank Zappa, Rolling Stones e Tina Turner.

David-Zard-Silvia-Querci-Vittorio-Matteucci-Clemente-Zard-Romeo-e-Giulietta-ama-e-cambia-il-mondo-Foto-Franco-Mariani-7

Gabriele Antonucci

-

Il mondo della musica e dello spettacolo piange la scomparsa di David Zard, celebre promoter e produttore, che si è spento stamattina all'Ospedale Gemelli di Roma, dopo una lunga malattia: aveva 75 anni.  

Lascia la moglie e il figlio Clemente, a sua volta produttore e organizzatore per la Vivo Concerti.

Nato a Tripoli il 6 gennaio 1943 da famiglia di origine ebraica e morto proprio nel Giorno della Memoria, Zard ha lasciato la Libia nel 1967, a seguito delle persecuzioni contro gli ebrei in concomitanza della guerra dei sei giorni.

Dagli anni Settanta a oggi è stato un precursore nell'organizzazione di concerti e di grandi eventi musicali in Italia, mettendosi in luce per la sua cultura, per la sua eloquenza, per il suo carattere di ferro, per la perfetta conoscenza delle lingue e dei meccanismi dello show biz.

Tra i suoi numerosi meriti, Zard ha portato Michael Jackson in Italia, organizzando le due tappe del Bad World Tour a Roma e a Torino nel 1988 e del Dangerous World Tour a Roma e a Monza nel 1992.

Grazie a lui sono sbarcati in Italia, paese che fino a venti-trent'anni fa era ai confini dell’impero dei grandi tour internazionali, artisti di primo piano come David Bowie, Cat Stevens, Elton John, Tina Turner, Lou Reed, Frank Zappa, Rolling Stones, Genesis, Bob Dylan, George Michael, Duran Duran, Spandau Ballet e Madonna, con la quale ha avuto anche alcuni screzi.

Zard ha avuto un rapporto speciale con i nostri Riccardo Cocciante e Gianna Nannini, di cui era produttore discografico e agente, e ha rilanciato il grande musical in Italia, senza più i complessi di inferiorità rispetto alle ricche produzioni di West End e di Broadway.

Basti pensare allo strepitoso successo di Notre-Dame de Paris, con le musiche firmate dallo stesso Cocciante, che ha battuto tutti i record, trasformando in star Lola Ponce e Giò Di Tonno, che interpretavano la zingara Esmeralda e il gobbo Quasimodo.

Un’esperienza portata con successo anche nel 2008 sul palco del Festival di Sanremo, dove vinsero tra i big con un brano di Gianna Nannini, la romantica Colpo di fulmine.

David Zard ha prodotto anche Tosca - Amore disperato di Lucio Dalla, Pia de' Tolomei di Gianna Nannini, Dracula della PFM e più recentemente Romeo e Giulietta. Ama e cambia il mondo, attualmente in tour.

Il musical, tratto dall’opera di William Shakespeare, debutterà al Teatro Ciak Milano il 14 febbraio, il giorno di San Valentino, dove resterà fino al 25 febbraio.

Il tour di Romeo e Giulietta. Ama e cambia il mondo proseguirà a Torino (10-11 marzo), Padova (23-25 marzo), Genova (6-8 aprile), Napoli (12-15 aprile), Bari (19-22 aprile), Bologna (27-29 aprile), Firenze (11-13 maggio), Roma (1-3 giugno) e Cosenza (8-10 giugno).

© Riproduzione Riservata

Commenti