Musica

Addio a Bob Johnston, produttore di Bob Dylan e Johnny Cash

L'uomo, che aveva 83 anni, si trovava in un ospizio di Nashville

Bob Johnston con Bob Dylan e Johnny Cash

Bon Johnston con Bob Dylan e Johnny Cash – Credits: Ufficio stampa

Avete presente il verso “Is it rolling, Bob?” all'inizio della canzone To Be Alone With You di Bob Dylan, uno dei brani più famosi di Nashville Skyline? Quel Bob era il leggendario produttore Bob Johnston, morto il 14 agosto a 83 anni in un ospizio di Nashville, come riporta l'Austin Chronicle.

Johnston era nato il 14 maggio del 1932 a Hillsboro, in Texas. Sua madre e sua nonna erano entrambe cantautrici, così come sua moglie Joy Byers, mentre la sua strada è stata fin dal'inzio la produzione, prima per la Kapp Records and Dot Records, poi con la leggendaria Columbia Records.

Dopo due anni a New York, Johnston si trasferì a Nashville, dove ha continuato a lavorare per l'etichetta, fino a intraprendere, alcuni anni dopo, la carriera da indipendente.

Per capire l'importanza che ha avuto il produttore, basta dare un'occhiata agli album che ha curato: Highway 61 Revisited, Blonde on Blonde, John Wesley Harding, Nashville Skyline, Self Portrait e New Morning di Bob Dylan, i due celebri live in prigione At Folsom Prison e At San Quentin di Johnny Cash, Sounds of Silence e Parsley, Sage, Rosemary and Thyme di Simon & Garfunkel, Songs of Love and Hate di Leonard Cohen e tanti altri.

Dietro ad alcuni dei più grandi capolavori del folk-rock del Novecento c'era il suo gusto, la sua sensibilità e la sua inconfondibile firma.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti