Panorama: giù le mani dalle pensioni!

Nel numero in edicola da giovedì 17 ottobre un'inchiesta su quello che di fatto è il "salvadanaio" dei governi (e i consigli su come possiamo difenderci). Sempre in tema di conti un'inchiesta sugli sprechi Rai

La copertina del numero di Panorama in edicola dal 17 ottobre

Dalla legge di stabilità approvata dal consiglio dei ministri martedì 15 ottobre arriva un nuovo colpo alle pensioni degli italiani. Non è la prima volta che accade. Panorama dedica la copertina proprio a questo tema, raccontando tutti gli attacchi alla previdenza degli italiani dal 1996, quando per la prima volta venne introdotto un meccanismo che, in linea generale, prevede l’indicizzazione piena soltanto per le pensioni più basse. Un meccanismo che colpisce, in alcuni casi duramente, tutti i percettori di una rendita pensionistica, ma che lascia pressoché indenni i titolari delle cosiddette pensioni d’oro: persone che, come l’ex manager della Telecom Mauro Sentinelli, continuano a incassare assegni anche di 91 mila euro al mese. Ed è possibile resistere? Si, ma soltanto se ci si muove per tempo. Panorama, infatti, spiega come, accendendo a piani pensionistici integrativi (e dunque indenni dalle scorrerie delle leggi finanziarie), spiegando le strategie da adottare per chi ha 30, 40, 50 anni. 

Fare a meno dell’auto si può, con benefici per il traffico urbano e per l’ambiente. Panorama pubblica un’inchiesta che racconta  una nuova formula di car sharing, partita a  Milano, che in poche settimane ha contagiato oltre 60 mila persone. Guidare una delle 450 Smart messa a disposizione degli utenti costa 29 centesimi di euro al minuto. Ma il vero punto forte della formula è la possibilità di parcheggiare ovunque (nei parcheggi regolari contrassegnati dalle strisce blu e gialle): l’utente successivo, grazie a una app da scaricare con lo smartphone, avrà il quadro delle auto più vicine a lui e di quanto carburante hanno nel serbatoio. Secondo i calcoli del comune, in questo modo il car sharing permette di fare a meno delle auto da città e di risparmiare fino a 5 mila euro l’anno. Ogni vettura condivisa, infatti, ne toglie 12 dal traffico urbano. 

In Rai la presidente Anna Maria Tarantola e il direttore generale Luigi Gubitosi hanno dato il via a una campagna moralizzatrice contro violazioni e ruberie interne. Panorama spiega come gli ispettori Rai, dopo aver portato alla luce il malcostume dei regali aziendali ora abbiano dei dubbi di irregolarità su un bando da 400 mila euro per l’appalto di luci e audio nell’ultimo Festival di Sanremo. E sospettino anche irregolarità amministrative nella sede Rai di Londra. 

Chiuso in un appartamento nella Capitale, senza mai pentirsi delle proprie atrocità, ma piuttosto preoccupato di spegnere lo scaldabagno o di non buttare il cibo, per quanto scaduto. Così ha vissuto Eric Priebke, il boia delle Fosse Ardeatine colpevole della strage di 335 civili italiani. Un vecchio colpito dall’efferatezza dell’omicidio di Meredith Kercher, ma incapace di capire perche lo chiamassero «boia».Panorama, inoltre pubblica una lettera inedita del suo carteggio segreto con Indro Montanelli, dove raccontava di vivere «un calvario» e di sentirsi un perseguitato.                     

Arafayne Beraki, 59enne di Asmara, residente in Italia da 37 anni, cittadino italiano dal 2001, è andato a Lampedusa con un giornalista diPanoramae ha incontrato alcuni naufraghi della tragedia del 3 ottobre: Yoseph, Sirak, Samsoon, Mereu, Natnael. Ha parlato con loro, ha raccolto le loro testimonianze di viaggio, ha rivisto se stesso quando 37 anni fa arrivò in Italia e ha scritto un articolo tutto giocato tra reportage ed emozione.

© Riproduzione Riservata

Commenti