Magazine

Panorama in edicola: "Quota Sgarbi"

Il settimanale in edicola dal 5 dicembre con la storia di un pensionato tutto particolare

Copertina Panorama numero 50

Il 5 dicembre Panorama è in edicola con un numero il cui protagonista della storia di copertina è il noto critico d'arte, pronto alla pensione

Sgarbi: in pensione "senza lavorare un giorno"

Da gennaio Vittorio Sgarbi riceverà la pensione dopo 50 anni di contributi con un particolare: il critico d'arte e parlamentare è infatti in aspettativa dal 1985 (dai Beni Culturali); la sua previdenza e pensione però è a norma di legge. Lui però spiega: 2Non l'ho chiesta, me l'hanno comunicato loro. E alla "quota 100" io rispondo con la "Quota Sgarbi". Lavorerò infatti fino all'ultimo giorno..."

Sesso: famolo strano a Milano

Giovani, spesso universitarie, anche di buona famiglia; sono disponibili per giochi erotici molto "particolari". Ai quali queste ragazze prendono parte senza alcun imbarazzo per soldi (e non hanno nemmeno l'obbligo di avere rapporti completi con i clienti). L'inchiesta sulla nuova frontiera del sesso a pagamento che sta spopolando a Milano

Chiesa e pedofilia: il caso "Savona"

La terza parte dell'inchiesta sui casi di pedofilia nella Chiesa italiana e soprattutto sulle "coperture" dello stesso clero porta a Savona. La giustizia vaticana infatti non è mai intervenuta sullo scandalo di don Nelio Giraudo, prete che nel 1980 era stato segnalato per abusi sessuali. Dal 2003 al 2010 la curia e la Congregazione pernla dottrina della fede hanno continuato a passarsi la pratica alternando così rinvii ed omissioni. Mentre le violenze sui minori continuavano...

Formigoni: "andare in carcere non mi fa paura"

Intervista all'ex Governatore della Lombardia al centro di una lunga vicenda giudiziaria. "Sono innocente, spero solo di trovare un giudice a Roma. E di certo non scapperei mai". Dopo la condanna in Appello a sette anni e mezzo di reclusione per presunti episodi di corruzione nella sanità lombarda Roberto Formigoni si prepara al giudizio finale della Cassazione, ed al "peggio".

Delitto di Avetrana: le 4 piste abbandonate troppo presto

Continua la "contro-inchiesta" di Panorama sull'omicidio di Sarah Scazzi. Il cellulare di Michele Misseri, lo zio della vittima, che proprio il giorno swll'omicidio riceve un'ondata di telefonate. La vicina di casa che non è mai stata interrogata. Il fioraio che racconta il rapimento da parte di Sabrina e Cosima salvo poi dire che si trattava di "un sogno". Ed infine l'ora del delitto che secondo i vari testimoni continua a cambiare. elementi importanti che sono stati sottovalutati. Perché?



© Riproduzione Riservata

Commenti