Panorama d'Italia: 10 buoni motivi per credere nel futuro del nostro Paese

Da aprile a novembre Panorama arriva nelle piazze di 10 città alla scoperta delle eccellenze che possono rilanciare l'Italia. Il tour anche sui social network: #panoramaditalia - Vai al sito dell'evento - La presentazione del direttore  

– Credits: Panorama d'Italia

Paolo Corio

-

Clicca qui per andare al sito dell'evento

“È un paese dove tutto funziona male, come si sa. È un paese dove regna il disordine, il cinismo, l'incompetenza, la confusione. E tuttavia, per le strade, si sente circolare l'intelligenza, come un vivido sangue”: lo scriveva Natalia Gingzburg nel suo saggio Le piccole virtù pubblicato nel 1962, lo stesso anno in cui compariva in edicola la prima copia di Panorama.

Più di mezzo secolo dopo quelle parole fotografano ancora in ampia parte la situazione dell'Italia, e il fattore vincente per la ripresa - non solo economica - sta ancora una volta proprio in quell’intelligenza che circola per le nostre strade e piazze. Quell’intelligenza che Panorama ha deciso di andare a scoprire (o riscoprire) non solo con inchieste e approfondimenti sviluppati sul magazine e sul sito web, ma con un vero e proprio tour - Panorama d’Italia - che da aprile a novembre toccherà nell’ordine:

Reggio Calabria (2-5 aprile),
Lecce (14-17 maggio),
Ancona (4-7 giugno),
Parma (25-28 giugno),
Verona (10 -13 settembre),
Verbania (24-27 settembre),
Brescia (8-11 ottobre),
Viterbo (22-25 ottobre),
Catania (5-8 novembre),
Salerno (19-22 novembre).

In ogni tappa, il “Dome” di Panorama d’Italia - una tecnologica struttura a forma di cupola installata dal mercoledì al sabato nel centro di ogni città - sarà il centro di un universo fatto di incontri, dibattiti ed eventi nei luoghi più rappresentativi (istituzionali e non) che metteranno in evidenza le piccole e grandi virtù sulle quali puntare per rilanciare il territorio e l’intero Paese.

10 città coinvolte, quindi, per 10 buoni motivi per essere anche voi protagonisti di Panorama d’Italia:

1. Il “Dome”. La centrale operativa di tutte le attività, un vero e proprio cuore pulsante all'insegna della tecnologia, dove sarà possibile fruire di numerosi contenuti multimediali come ad esempio il social wall, che raccoglierà gli interventi dei cittadini via Facebook, Twitter e Instagram, e sul quale saranno anche proiettate opere di videoarte realizzate dai migliori artisti emergenti italiani. Inoltre, il "Dome" ospiterà la mostra dedicata ai “50 anni di Panorama” e offrirà tanti meeting point per conoscerci e far conoscere le vostre idee e attività.

2. Gli incontri con le eccellenze e i personaggi del territorio. Promossi in diverse sedi cittadine in collaborazione con Invitalia (l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa), metteranno in evidenza e soprattutto in contatto tra loro i punti di forza di ogni singola realtà, con l’obiettivo di promuovere nuove idee per lo sviluppo dell’economia tanto locale quanto nazionale.

3. Le domande ai politici. Ogni tappa vedrà la presenza delle autorità locali così come di importanti figure politiche nazionali, con dibattiti e tavole rotonde moderati dalle firme di Panorama. Che attraverso i social network raccoglierà anche le domande dei cittadini per rivolgerle poi direttamente ai protagonisti della politica presenti ai diversi incontri.

4. Le opportunità per i giovani. Grazie alla collaborazione con importanti startupper internazionali, ogni tappa di Panorama d’Italia sarà anche l’occasione per facilitare e promuovere i contatti tra studenti, ricercatori, “business angel” e investitori con l’obiettivo di favorire l’avvio di startup sul territorio.

5. Gli eventi culturali. La ricchezza dell’Italia sta anche e soprattutto nei suoi monumenti: quelli che guide d’eccezione, come ad esempio Vittorio Sgarbi, vi aiuteranno a conoscere meglio con le speciali visite a numero chiuso proposte da Panorama d’Italia in collaborazione con Electa. Previsti anche divertenti bike tour per pedalare alla scoperta dei tesori di ciascun centro storico.

6. Gli incontri d’autore. Librerie, teatri e circoli culturali ospiteranno incontri e dibattiti con autori Mondadori legati a quello specifico territorio: artisti e intellettuali che dialogheranno e si confronteranno con il pubblico in sala.

7. Le Icon / Flair Night. La moda è un valore assoluto del “made in Italy”: per celebrarla, ecco allora gli esclusivi party con la partecipazione di celebrities e fashion blogger nel segno di due testate legate al brand Panorama. Il sabato sera, inoltre, il direttore di Chi Alfonso Signorini proporrà al pubblico un talk show esclusivo con un personaggio del mondo dello spettacolo.

8. Gli happy hour con dj set di R101. Divertenti aperitivi con l’animazione dei dj di R101, la radio del Gruppo Mondadori, per ricaricare al meglio le pile tra un incontro e un dibattito.

9. Le food experience. Nel nostro Paese, tra le ricchezze di un territorio ci sono ovviamente anche quelle eno-gastronomiche: ecco allora gli show cooking con chef d’eccezione, le degustazioni guidate e gli incontri con i più conosciuti food blogger per apprezzare al meglio quanto di meglio sa offrire ciascun territorio.

10. Gli altri Panorama. Ovvero quelli che regalerà ai partecipanti ciascuna tappa di Panorama d’Italia: idee e contatti preziosi, da far fruttare anche dopo ogni evento cittadino per migliorare il proprio futuro e quello dell'intera Italia.

© Riproduzione Riservata

Commenti