Magazine

Giù le mani dal Natale!

Un augurio amorevole che rischia di diventare un inno di guerra, una guerra di civiltà. Un augurio da difendere! Questa la nostra copertina

natale-guerra-cristianita-islam

Non toccateci il Natale
È possibile che il Natale si trasformi in causa di polemica? La difesa della festa cristiana viene sminuita dai «relativisti». Ma è un errore politico e strategico. Al tema della scristianizzazione e dell’abiura ai nostri valori culturali, Panorama dedica la copertina del numero in edicola da venerdì 11 dicembre. Con in più un’analisi sul peso crescente che la famiglia ha nell’organizzazione delle stragi causate dal terrorismo di origine islamica: mariti e mogli, come a San Bernardino (in California). Ma anche fratelli, cugini, padri e figli.

Che cosa cambia con il trionfo del Front National
Il trionfo di Marine Le Pen. Le forze anti-sistema al governo in Ungheria e Polonia. La loro avanzata in Austria, Danimarca e Spagna. E in Italia? Che cosa si prospetta nella nostra politica? Sorgerà un giorno il populismo dell’avvenire? Ecco le strategie delle premiate coppie Grillo-Casaleggio e Salvini-Meloni per conquistare il governo del Paese. Con un occhio Oltralpe, ma non solo. Perché l’Italia non è la Francia.

Petrolio: il sì di Viggiano nell’Italia nei no
Viggiano, una cittadina della Basilicata, ha accettato le trivelle per estrarre l’oro nero che c’è sotto la sua terra ed è diventato ricco. Scuole, impianti sportivi, agevolazioni, servizi efficienti, e le casse del Comune strapiene. Ma non aveva fatto i conti con gli ambientalisti e con le inchieste della magistratura. Panorama ha fatto un viaggio in un paradosso tutto italiano.

Parla Cannavacciuolo: «Ora voglio cucinare per i poveri»
Antonino Cannavacciuolo, chef figlio d’arte, è il quarto giudice della nuova serie di MasterChef, che inizia il 17 dicembre. «Nessuna rivalità con i colleghi della mia generazione» dice in un’intervista a Panorama: «Abbiamo obiettivi comuni». Ma ora che è ricco, sogna di cucinare per i poveri.

Parla Marilyn Manson: «Vorrei un figlio»
«Mi piacerebbe avere un figlio come me. Uno che va in giro ad appiccare incendi quando io non ci sono». Marilyn Manson, l’artista più estremo e provocatore, dipinge su Panorama un suo stupefacente autoritratto. E dice: «Sono diverso da come appaio». «La mia stanza preferita? Quella dei giochi».

© Riproduzione Riservata

Commenti