La versione dello 007 russo

Su Panorama in edicola parla la spia russa Sergey Goncharov: "Perché non c'entriamo con gli avvelenamenti degli oligarchi in esilio"

cover1030x615_14

La copertina del numero 14/2018 di Panorama

Redazione

-

I principali servizi e inchieste che potete trovare nel numero 14 di Panorama in edicola da giovedì 22 marzo 2018.

IN COPERTINA

1. «PERCHE’ NON SIAMO STATI NOI»
Sergei Goncharov, Un veterano del Gruppo Alpha, l’unità di élite dei servizi russi, fornisce la versione di Mosca sulla crisi con Londra. Negando ogni addebito, si chiede dove siano le prove. Poi attacca: «Skripal è un agnello sacrificale. Sul territorio britannico vivono figure ben più pericolose». E cita due nomi: Oleg Gordievskij e Oleg Kalugin.

2. QUAL È LA VERA POSTA IN PALIO
Il caso Skipral non è un caso isolato. Da una decina d’anni Mosca è diventata il primo avversario di Londra. Un confronto strategico che coinvolge il futuro del continente,  in una riedizione di vecchie tensioni.

3. È LA NUOVA GUERRA FREDDA, MA SENZA IDEOLOGIA
L’ex corrispondente del Guardian a Mosca, Luke Harding, vede la mano di Putin.
Che secondo lui vuole piegare il mondo agli interessi del Cremlino. Panorama lo ha intervistato.

ITALIA

TATTICHE E MOSSE POLITICHE DEI LEADER DELL’ANTIPOLITICA
Il Movimento 5 stelle e la Lega erano di lotta ma sono già diventati di governo. Hanno un’organizzazione strutturata e organi di propaganda che ricordano i tanto vituperati vecchi partiti. E sono ritornati in auge i governi «balneari» e le «convergenze parallele». Vi ricorda qualcosa?

FENOMENI

BABY BAND (CONTRO BABY GANG)
Violino contro pistola, tromba contro fucile. Anche se fiori nel deserto, ci sono realtà napoletane come l’Orchestra Sanitansamble che tentano di strappare i minorenni dal degrado e dal richiamo del crimine. Uno sforzo impari, come dimostra il recente omicidio senza motivo di un metronotte, ma che dà i suoi frutti. Eccoli.

PERSONAGGI

INTERVISTA A STEVEN SPIELBERG
«Immaginate gente, immaginate»
Sarà sempre più facile farlo con la realtà virtuale, dice il regista più famoso del mondo alla vigilia dell’uscita di Real player one. «Ma non diventatene dipendenti, ragazzi, perché è dalla vita reale che si deve prendere spunto».
E confessa che anche lui ha rischiato spesso di rimanere incastrato in un mondo parallelo.

© Riproduzione Riservata

Commenti