La fine del cerchio magico di Ingroia

Annuncia l'addio alla magistratura, i suoi ex colleghi gli danno addosso e il Csm ipotizza il trasferimento per incompatibilità ambientale del suo ex capo. La fine del cerchio magico di Antonio Ingroia, su Panorama in edicola dal 20 giugno

Ha annunciato che deve lasciare la magistratura solo perché «punito» per le sue inchieste sulla mafia. Ma gli ex colleghi di Palermo gli danno addosso. E ora il Csm ipotizza addirittura il trasferimento per incompatibilità ambientale del suo ex capo, Francesco Messineo, perché «avrebbe perso piena libertà e indipendenza» proprio nei suoi confronti. Così si chiude (malamente) il cerchio magico dell’ex procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia. Per commentare su Twitter usate l'hashtag #ingroia

© Riproduzione Riservata

Commenti