Magazine

Ho sparato perché sono un uomo normale

Legittima difesa: parla Graziano Stacchio, il benzinaio che nel 2015 uccise un rapinatore. Su Panorama in edicola dal 15 febbraio

cover panorama n. 9 15 febbraio 2018

MI SONO ARMATO PERCHÉ COSTRETTO

Nel 2015 Graziano Stacchio ha ucciso un rapinatore. Da allora lo si è voluto trasformare nell’emblema della giustizia fai da te. Siamo andati a trovarlo adesso che, dopo il caso del gioielliere napoletano, si torna a parlare di legittima difesa. «Non sono un eroe» dice a Panorama «faccio parte di quella moltitudine che non sa adeguarsi alle mostruosità di quest’epoca».

L’AGGUATO

La vera storia del terremoto sui mercati, nell’estate del 2011, che fu addebitato a Berlusconi, allora al governo. L'economista Antonio Ricolfi ha messo in fila dati e numeri per analizzare l’estate di sette anni fa in cui il governo di centrodestra fu costretto a dimettersi dietro le pressioni interne e internazionali. Arrivando alla conclusione che le vere responsabilità delle fibrillazioni non andavano cercate a Roma, né in Germania. Ma a Parigi.

JESSICA. CI CHIEDEVA AIUTO E NON L’ABBIAMO AIUTATA

Don Gino Rigoldi ha conosciuto bene e ha cercato di sostenere Jessica Valentina Faoro, la 19enne uccisa a Milano dall’uomo che la ospitava. «Era martoriata dalla vita, ma aveva intatti ancora i suoi sogni», ricorda.

IL VINILE È TORNATO. PER RESTARE

Il disco in vinile è di nuovo di moda. Una riscossa analogica nell’era della febbre digitale. A rivelarlo sono i numeri: in Italia, nel 2017, il mercato del 33 giri è cresciuto del 46,7 per cento. E ad acquistarlo sono soprattutto i giovanissimi.

© Riproduzione Riservata

Commenti