Magazine

Famolo social

Su Panorama in edicola, Carlo Verdone racconta 40 anni di carriera e come è cambiato il Paese di cui ha fatto la parodia

cover-Panorama

Redazione

-

Ecco il servizio di copertina e le principali inchieste che potete trovare sul numero di Panorama in edicola da giovedì 14 dicembre.

COPERTINA - Carlo Verdone: "‘O famo ancora strano, ma non ci  basta più"

I suoi personaggi hanno raccontato i tic dell’Italia. E adesso che compie 40 anni di carriera e che sta per uscire il suo nuovo film, Carlo Verdone con Panorama si guarda allo specchio. Racconta di quando lo volevano fare sindaco e disse di no («Ma un programma ce l’ho»). Dei malati che come ultimo desiderio chiedono di vederlo. Dei maschi di una volta («Spariti»). Dei social che hanno rimpiazzato tutto, anche il sesso.

INCHIESTA - Il boom dei falsi eritrei

Nei centri di accoglienza italiani, un terzo degli eritrei richiedenti asilo politico in realtà sono etiopi (migranti economici, che quindi  non ne avrebbero diritto). Un meccanismo basato sui furti di identità, grazie a mediatori compiacenti, come ha scoperto Panorama.

CHE FINE HANNO FATTO - Luigi Faccia: dentro di me c'è sempre il demone

Il 9 maggio 1997 Luigi Faccia era lo stratega del «commando» che assaltò il campanile di San Marco. Obiettivo: la secessione dall’Italia. Per questo è finito in carcere due volte. Sono trascorsi vent’anni e c’è stato anche un referendum sull’autonomia della sua Regione. Lui ribatte: «Bisogna camminare sulla strada che impone la storia: sacrificio, coraggio e avanti così».

REPORTAGE - Lo stadio più pazzo del mondo

La squadra delle isole Far Oer (un arcipelago tra Norvegia e Islanda, 50 mila abitanti in tutto) è la più stravagante e divertente del mondo. È l’unica al mondo dove non c’è neanche un professionista: gli idoli del loro campionato fanno i pescatori, i carpentieri, gli avvocati... Quando giocano, la palla finisce spesso in strada. E le partite allo stadio sono un rito per tutti (bambini e cani inclusi).

© Riproduzione Riservata

Commenti