Panorama: le Regioni hanno spolpato l'Italia

Nel numero in edicola dal 23 gennaio la mappa delle truffe dei consiglieri (e le loro spese pazze) ed un intervista all'ex Br, Giovanni Senzani, ora attore: "Non mi pento"

La copertina di Panorama in edicola dal 23 gennaio 2014

Quasi 500 consiglieri indagati in 15 regioni, per quasi 60 milioni di euro sotto inchiesta. Sono queste le dimensioni del grande scandalo dei fondi regionali sui quali da quasi due anni indagano le procure di tre quarti d’Italia, cui Panorama dedica la copertina del numero in edicola da giovedì 23 gennaio. Dati, numeri, storie della nuova «Mani pulite».

Ma Panorama in edicola pubblica anche una grande intervista inedita: parla Giovanni Senzani. Sette ergastoli sulle spalle, il capo delle Brigate rosse oggi è il protagonista di «Sangue», un film che sta per uscire al cinema. «Non mi pento» dice. «Il perdono è  pornografico». E aggiunge: ««La scomparsa di mia moglie mi ha rivelato il dolore di una perdita». Quindi conclude: «Se dovessi guardarmi allo specchio e pensare che quello che ho fatto non ha avuto senso, potrei solo suicidarmi». 

L’attacco al gioco d’azzardo. Il sostegno alle imprese innovative. Il sogno della burocrazia zero. Il dialogo con l’Università e con il grande Policlinico. Panorama in edicola racconta  come Alessandro Cattaneo, sindaco di Pavia (Forza Italia), tra strette di mano e tour in città sia  diventato il primo cittadino più amato d’Italia. 

Un'altra storia di pieno successo, nella quale scava questo numero di Panorama, è la metamorfosi dei due nipoti Agnelli. Un tempo sottovalutati, John Elkann oggi realizza l’antico sogno Fiat di conquistare Detroit. L’altro, Andrea Agnelli, miete vittorie con la Juve. Ecco come hanno fatto.

A Genova ha appena preso la sua sesta laurea, in filosofia, con 110 e lode. Marco Amleto Belelli, in arte Divino Otelma, ma anche «Primo Teurgo della Chiesa dei Viventi e Gran Maestro dell’Ordine di Elios, si racconta a Panorama come non aveva mai fatto prima. Fra televisione e cultura, giustizia e musica. E senza dimenticare la politica.

© Riproduzione Riservata

Commenti