Ansa
Cinema

Vittorio Gassman, 16 anni senza il grande mattatore - Foto

Magnetico, istrionico, talento irripetibile. Il 29 giugno del 2000 moriva la punta di diamante del nostro cinema. Lo ricordiamo in immagini

Maestro della truffa, imprenditore disonesto, avvocato arrivista, esilarante spaccone. Vittorio Gassman durante la sua lunga carriera è stato tutto questo e molto altro. Grande protagonista del teatro e del cinema italiano, il "mattatore" ha dato vita a personaggi storici, magnifici ritratti dei vizi dell'essere umano, tutti a loro modo indimenticabili.

Tra le innumerevoli interpretazioni, è difficile dire quale sia la migliore. Forse il guerriero sgangherato che guida l'armata Brancaleone alla riscossa. O magari il soldato imbroglione compagno di Alberto Sordi in La grande guerra. E che dire del ladro da strapazzo de I soliti ignoti e del simpatico cialtrone de Il Sorpasso? Impossibile fare classifiche. Ma una cosa è certa: con la sua morte avvenuta esattamente 16 anni fa, il 29 giugno del 2000, Gassman ha lasciato un vuoto difficile da colmare. Per fortuna ci restano i suoi film e le sue memorabili macchiette.

Ti potrebbe piacere anche