Universal Pictures
Cinema

Unbroken, ecco com'è nato il film di Angelina Jolie - Video

Dedicato a Louis Zamperini, ci sono voluti oltre cinquant'anni prima che arrivasse sul grande schermo

Era da oltre cinquant'anni che la storia di Louis Zamperini aspettava di essere raccontata al cinema. Ci sono voluti il libro biografico scritto da Laura Hillenbrand, diventato un bestseller, e quindi la grande determinazione di Angelina Jolie di trasporlo in film per arrivare finalmente a Unbroken, dal 29 gennaio nelle sale italiane.

Nato da genitori italiani immigrati in America, Louis è stato un brillante atleta: alla sua prima e ultima Olimpiade, nel 1936, a diciannove anni, non vinse nessuna medaglia ma riuscì a centrare la finale dei 5000 metri piani e a posizionarsi ottavo, migliore tra gli statunitensi. I suoi sogni e le sue ambizioni erano tutte per le Olimpiadi di Tokyo del 1940, quelle mai disputate a causa dell'impellere della Seconda Guerra Mondiale. Da soldato Zamperini sperimentò l'agonia di 47 giorni trascorsi su un piccolo canotto in mezzo all'oceano. Durante il conflitto vide anche Tokyo, sì, ma da prigioniero dei giapponesi, vivendo percosse e privazioni. 

Nel film della Jolie, alla sua seconda prova da regista di fiction, Zamperini è interpretato dall'attore britannico Jack O'Connell. Louis Zamperini è morto il 2 luglio scorso ma ha seguito gran parte del processo di produzione.

In questo video in esclusiva scopriamo com'è nato Unbroken attraverso i racconti della famiglia Zamperini, della scrittrice Laura Hillenbrand, del produttore Matthew Baer, di Angelina Jolie, che ha scoperto di aver in Zamperini anche un vicino di casa:

Unbroken, interviste a Angelina Jolie, famiglia Zamperini, Laura Hillenbrand

Ti potrebbe piacere anche