Gabriel Olsen/Getty Images
Cinema

Steve Jobs, il biopic (con Michael Fassbender) acquistato da Universal Pictures

Alla regia di Danny Boyle, si basa sulla biografia scritta da Walter Isaacson

L'anno scorso è stata la volta del film Jobs, con Ashton Kutcher - diretto dal poco noto Joshua Michael Stern - a interpretare il cofondatore della Apple. Risultato? Un mezzo fiasco. La Sony Pictures ha quindi rilanciato pensando a un biopic più di alto profilo su Steve Jobs, l'imprenditore e inventore morto nel 2011. E ora la Universal Pictures ne compra i diritti per più di 30 milioni di dollari, secondo quanto riferito da Hollywood Reporter.

Finora per l'ambizioso lungometraggio è stato un susseguirsi di defezioni. All'inizio era stato David Fincher il regista prescelto per il progetto, prodotto da Scott Rudin e sceneggiato da Aaron Sorkin, ripetendo così la fortunata ciurma di The Social Network. Ma l'autore dei cult movie Fight Club Seven è uscito di scena in seguito alle sue richieste economiche e di controllo ritenute eccessive.

Ora dietro la macchina da presa c'è Danny Boyle, il regista premio Oscar per The Millionaire. Per dare il volto a Jobs era stato prima ipotizzato Leonardo DiCaprio. Quindi ero stato contattato Christian Bale, che dopo lunghe riflessioni ha declinato l'offerta, sembra perché non si sia sentito adatto alla parte. Il nuovo nome rumoreggiato è ora Michael Fassbender

Il biopic si basa sul libro Steve Jobs, biografia autorizzata scritta da Walter Isaacson, e ha tra i consulenti Steve Wozniak, co-fondatore della Apple, che aveva fortemente criticato il film con Jutcher.

Ti potrebbe piacere anche