Academy Two
Cinema

Riparare i viventi, film con Tahar Rahim ed Emmanuelle Seigner - Video

Un trapianto di organi, riflessioni attorno alla vita e alla morte. Dal 26 gennaio al cinema

Il trapianto di un cuore da una persona a un'altra, oltre la drammaticità del gesto, pone una serie di interrogativi di natura scientifica, medica e filosofica. Attorno a questi interrogativi si muove Riparare i viventi, film della regista francese Katell Quillévéré, tratto dall'omonimo romanzo di Malys de Kerangal e dal 26 gennaio al cinema con Academy Two. Nel cast Tahar Rahim, Emmanuelle Seigner, Anne Dorval, Bouli Lanners, Kool Shen, Monia Chokri, Alice Taglioni, Karim Leklou Alice de Lencquesaing, Finnegan Oldfield, Théo Cholbi, Gabin Verdet e Dominique Blanc.

Tutto inizia all'alba, il mare agitato e tre giovani surfisti. Qualche ora dopo, sulla strada verso casa, avviene l'incidente. Ormai attaccata alle macchine di un ospedale di Le Havre, la vita di Simon (Verdet) è solo un'illusione. Nel frattempo a Parigi, una donna aspetta il trapianto provvidenziale che potrà salvarle la vita…

"Sono sempre stata affascinata dagli elementi contrapposti", dice la giovane regista classe 1980, autrice anche della sceneggiatura. "Da un lato il progresso della medicina moderna e le tecniche sempre più sofisticate di intervento sul corpo umano e dall'altro una questione vecchia come il mondo: cos'è la morte, dove finisce la vita e in quali parti del nostro corpo è simbolicamente collocata".

In questo video in esclusiva un estratto di Riparare i viventi:

Riparare i viventi: estratto del film di Katell Quillévéré

Ti potrebbe piacere anche

I più letti