Venezia 2013, Giornate degli Autori: la sigla per il decennale - Video
Venezia 2013, Giornate degli Autori: la sigla per il decennale - Video
Cinema

Venezia 2013, Giornate degli Autori: la sigla per il decennale - Video

Un omaggio al fascino della creatività e a registi come Theo Angelopoulos, Martin Scorsese, Neil Jordan e Ridley Scott, sulle note dei Têtes de Bois

Le Giornate degli Autori o Venice Days, nell'imminente settantesima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, compiono dieci anni. 

Promosse dalle associazioni dei registi e degli autori cinematografici italiani Anac e 100autori, sono nate nel 2004 come rassegna autonoma all'interno del festival lagunare, sul modello della prestigiosa Quinzaine des Réalisateurs di Cannes.

Per festeggiare il decennale viene proposta una nuova sigla, ideata da Frame by Frame nel segno del fascino della creatività e tutta giocata sui cromatismi del bianco, del nero, delle sfumature e del rosso appassionato che da sempre è il colore-simbolo della sezione indipendente alla Mostra.

Theo Angelopoulos (a cui idealmente è dedicata quest'edizione), Martin Scorsese, Neil Jordan e Ridley Scott sono gli autori tanto diversi quanto estremi e creatori di leggende della storia del cinema che si nascondano tra i dettagli della sigla.

Segni, immagini e suggestioni prendono forma e si dissolvono in uno schermo che si trasforma in una grande pagina bianca solcata da parole, appunti, macchie d'inchiostro. Pagine di script si alternano così a schizzi, acquerelli, con la consistenza materica e i colori di carta.  

"È il processo creativo che abbiamo cercato di riassumere in un flash, un processo fatto di tentativi, talora di ripensamenti, che alla fine conduce alla bellezza dell'opera compiuta" dicono gli autori della sigla. "Scorci inusuali di Venezia e del Lido si mescolano così ad appunti e vere pagine di sceneggiatura. La sfida - solo per i cinefili più rigorosi - è riconoscere personaggi, situazioni, film a colpo d'occhio".  

La musica di sottofondo è stata appositamente realizzata dai Têtes de Bois, che hanno reinterpretato la melodia di Abbasso Nixon.  

 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti