La donna dello scrittore
Academy Two
La donna dello scrittore
Cinema

La donna dello scrittore, film tra amore ed esilio di Christian Petzold - Video

Nella Marsiglia degli anni '40, la storia di una passione impossibile

Presentato in Concorso all'ultima Berlinale, La donna dello scrittore è il nuovo film del regista tedesco Christian Petzold, che ha già firmato La scelta di Barbara (2012) e Il segreto del suo volto (2014).

Storia di un grande amore impossibile fra la fuga, l'esilio e il desiderio di raggiungere un luogo che possiamo chiamare casa, è tratto dal romanzo Transito della scrittrice tedesca "pasionaria" antifascista Anna Seghers, scritto a Marsiglia nel 1942. Dal 25 ottobre al cinema distribuito da Academy Two, ha come progatonisti gli attori Franz Rogowski e Paula Beer.

Le truppe tedesche sono alle porte di Parigi. Georg (interpretato da Rogowski), un rifugiato tedesco, fugge a Marsiglia appena in tempo. Il suo bagaglio contiene i documenti di uno scrittore di nome Weidel, che si è tolto la vita per paura delle persecuzioni. Questi documenti comprendono un manoscritto, alcune lettere e l'assicurazione dell'ambasciata messicana per un visto. Per poter ottenere uno dei pochi passaggi disponibili in nave Georg assume l'identità di Weidel e memorizza tutte le informazioni contenute nei documenti. Sprofonda nella esistenza a metà di chi è in fuga: chiacchiera con i rifugiati nei corridoi di un piccolo hotel, nei consolati, nei caffè e nei bar lungo il porto. Il suo unico amico è Driss (Lilien Batman), figlio del compianto Heinz, morto mentre cercava di fuggire. Tutto è destinato a cambiare quando Georg incontra Marie (Beer), una donna misteriosa di cui si innamora.

In questo video in esclusiva un estratto del film La donna dello scrittore:

None
Ti potrebbe piacere anche

I più letti