Cinema

Dracula, i suoi volti diversi nel cinema

Dal Nosferatu dall'aspetto mortifero di Max Schreck al conte raffinato e malvagio di Bela Lugosi fino a quello di spaventosa malvagità di Gary Oldman

Columbia Pictures

Nel 1992, dal romanzo di Bram Stoker viene tratto uno degli adattamenti  più fedeli alla fonte letteraria, nonché uno dei maggiori successi di  pubblico realizzati dal grande regista Francis Ford Coppola: si tratta di Dracula di Bram Stoker, in cui l’attore inglese Gary Oldman,  sepolto sotto una mostruosa maschera di make-up, dà vita a un Dracula  di spaventosa malvagità, ma anche al suo alter-ego che si muove alla  luce del giorno: un decadente e misterioso aristocratico di stampo byroniano che si aggira sotto mentite spoglie nella Londra di fine Ottocento, dissimulando la propria natura di non-morto.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti