Siamo i nuovi zalone (pagate per credere)
Siamo i nuovi zalone (pagate per credere)
Cinema

Siamo i nuovi zalone (pagate per credere)

Esce il 20 marzo il film Amici come noi, con le "iene" Pio (il biondo) e Amedeo (il moro).

Al telefono da Los Angeles, le "iene" Pio (il biondo) e Amedeo (il moro) ammettono la sconfitta: "Eravamo venuti per convincere Sorrentino a parlare del nostro film dal palco degli Oscar, urlare che il cinema italiano si salverà grazie a noi, ma non ce l’abbiamo fatta. In compenso, abbiamo tappezzato Hollywood di locandine". Dopo aver portato Vladimir Luxuria a Sochi per la crociata pro gay ed essere finiti sui tg di mezzo mondo, gli "ultras dei vip" sbarcano al cinema il prossimo 20 marzo, prodotti dalla Taodue di Pietro Valsecchi, con un film dedicato al calcio e all’amicizia. Mollato dalla fidanzata (Alessandra Mastronardi), Amedeo abbandona Foggia e la squadra del Real Zapponeta per realizzare il sogno di sbarcare al Nord e giocare nel Milan. Con l’amico Pio, socio in un’agenzia di pompe funebri, si lancia in un on the road dove le gag conteranno più della trama. Amici come noi è il nuovo Eccezzziunale veramente? Il nuovo Allenatore nel pallone? Il nuovo Sole a catinelle? Una guerra tutta tra pugliesi, in caso.

Se Sorrentino è "La grande bellezza" voi chi siete?

L’inarrivabile ignoranza.

Il vostro è un film utile o inutile?

Utile per l’incolumità degli spettatori, che se non vanno a vederlo gli mandiamo a casa tutti quanti i cugini nostri, che stanno nella mala. All’inizio riempivamo il teatro San Paolo di Foggia, quartiere Ceppa, solo coi parenti: 170 posti tutti esauriti, tra ovazioni e standing ovation.

Meglio la Foggia di Pio e Amedeo, la Bari di Zalone e Banfi o la Napoli di Sorrentino?

Noi abbiamo la provincia più bella del mondo: con Gargano, Tremiti e San Giovanni Rotondo. Pensi che Pio si chiama così proprio in onore del santo. E a Padre Pio ci affidiamo, per gli incassi.

Quanto vi ha chiesto di totalizzare Valsecchi?

Se incassiamo 4 milioni dovrebbe andare bene.

Diretto dallo stesso regista de "I soliti idioti" e anche questo un film on the road. Cosa vi distingue?

Non ci nascondiamo dietro maschere. Siamo noi stessi, così non rischiamo di rimanere ingabbiati nei personaggi.

Anche se a dei personaggi, "gli ultras dei vip", dovete tutto.

E infatti abbiamo scelto di abbandonarli: torneranno solo per missioni speciali. Con Beppe Grillo, per cantargli Figli delle stelle, o per il Papa: "Uno di noi, Francesco uno di noi!".

Nel film recitano calciatori?

No, ma mezza serie A ha registrato video promozionali che finiranno su Youtube: il primo è stato Balotelli, poi Osvaldo, Giovinco, Quagliarella, Arrigo Sacchi. E poi, un piccantissimo Buffon.

Che ufficializza la love story con la D’Amico?

No, quella con un compagno di squadra: dice che il film è meglio di Pogba nudo.

Leggi Panorama Online

Ti potrebbe piacere anche

I più letti