Musica

Sting, 57th & 9th: ritorno al rock - La recensione

Uno dei migliori album del 2016. Tra le perle, 50.000 il brano dedicato a Prince

Torna alle origini Sting in un album che dal primo ascolto suona come uno dei migliori del 2016.

Un disco finalmente rock oriented, fatto di canzoni e caratterizzato da una scrittura semplice, lineare, ma mai banale.

Dieci brani registrati a New York con un paio di classici da riporrre nell'archivio della buona musica di quest'anno. I can't stop thinking about you, potente e iconica, soprattutto quando in alcuni passaggi richiama il mood Police.

Ancora meglio la successiva 50.000, dedicata a Prince. "Rock stars don't ever die, they only fade away" canta Sting nell'anno che ha portato via, tra gli altri, David Bowie, e Leonard Cohen.

Notevole anche il rock and roll ruvido di Petrol Head. Chiude un album quasi perfetto l'acustica The empty chair. Bentornato Sting.

Getty Images
Sting in concerto
Ti potrebbe piacere anche

I più letti