Paul McCartney: il nuovo album registrato a casa chiude la trilogia
Paul McCartney: il nuovo album registrato a casa chiude la trilogia
Musica

Paul McCartney: il nuovo album registrato a casa chiude la trilogia

A 50 anni dalla pubblicazione del debutto solista "McCartney", l'11 dicembre uscirà "McCartney III", un disco inaspettato, nato durante il periodo del lockdown nella sua abitazione

Il doloroso annuncio della separazione dei Beatles, in una storica conferenza stampa del 10 aprile del 1970, coincise con l'esordio da solista di Paul McCartney, uscito poche settimane prima di Let It Be, ultima pubblicazione ufficiale della band. L'album, intitolato semplicemente McCartney, era un disco casalingo in cui il Macca fece tutto da solo, tranne che per alcune parti vocali di sua moglie Linda, suonando basso, batteria, chitarra, organo, pianoforte e archi. A 50 anni dal disco d'esordio, tra i migliori della sua carriera solista grazie a brani memorabili come Maybe I'm Amazed, Every Night e The Lovely Linda, l'11 dicembre la Capitol Records pubblicherà McCartney III, disponibile in digitale, CD ed LP.

Un album inaspettato, a soli due anni dal riuscito Egypt Station, nato durante il periodo del lockdown, che chiude idealmente la trilogia iniziata nel 1970 con McCartney e proseguita nel 1980 con McCartney II. Paul non aveva pianificato di pubblicare un album nel 2020, ma nell'isolamento ha tratto ispirazione per sviluppare alcune idee musicali già esistenti, oltre a crearne di nuove. Registrato nei primi mesi dell'anno nel suo studio casalingo nel Sussex, McCartney III è per lo più costruito da incisioni dal vivo di Paul con la voce e la chitarra o al piano, sovraincidendo il basso, la batteria e gli altri strumenti. La scintilla creativa è scoccata quando McCartney è tornato a lavorare su un brano inedito dei primi anni '90, When Winter Comes , coprodotto dal compianto George Martin. "Vivevo in isolamento nella mia fattoria con la mia famiglia e andavo ogni giorno nel mio studio", ha dichiarato il cantautore di Liverpool. "Dovevo fare un po' di lavoro su un po' di musica da film e questo si è trasformato nel brano d'apertura e poi, quando è stato fatto, ho pensato: cosa farò dopo? Avevo delle cose su cui avevo lavorato nel corso degli anni, ma a volte il tempo si esauriva e rimanevano a metà, così ho iniziato a pensare a quello che avevo. Ogni giorno iniziavo a registrare con lo strumento su cui avevo scritto la canzone e poi, gradualmente, stratificavo il tutto. Ho fatto musica per me stesso, cose che mi piaceva fare. Non avevo idea che il lavoro sarebbe diventato come un album".

La suggestiva copertina minimalista è del celebre artista americano Ed Ruscha, mentre le foto del nuovo album, in linea con le fotografie di McCartney e McCartney II di Linda McCartney, sono state scattate dalla figlia Mary McCartney, con fotografie aggiuntive del nipote di Paul, Sonny McCartney, nonché foto scattate da Paul stesso con il suo telefono. In un'intervista esclusiva alla rivista Loud and Quiet ,McCartney ha messo in evidenza i punti in comune dei tre album eponimi. "Il denominatore comune è che all'improvviso ho avuto molto tempo", ha sottolineato. "Dopo che i Beatles si sono lasciati, all'improvviso avevo molto tempo libero e nessun piano particolare in mente. E poi quando i Wings si sono sciolti, è successa una cosa simile. Quando ho molto tempo, mi dico sempre: 'Beh, scrivi e registra: hai qualcosa da fare quando hai del tempo libero".

Ti potrebbe piacere anche

I più letti