Giulio Wilson: Romanzo Epistolare -video anteprima
Dal video Romanzo Epistolare di Giulio Wilson
Giulio Wilson: Romanzo Epistolare -video anteprima
Musica

Giulio Wilson: Romanzo Epistolare -video anteprima

Le lettere di una tenera storia d'amore per raccontare l'Italia alla fine della Seconda Guerra Mondiale: è questa la fonte d'ispirazione della nuova canzone del cantautore fiorentino

“È una storia d’altri tempi, impressa su lettere ormai ingiallite a cui mi sono ispirato nella scrittura di questa canzone. Armida Casadio nacque nel 1921 a Faenza, fu madrina di guerra e dopo una lunga corrispondenza epistolare si sposò con un giovane arruolato, Dante Rossetti, che divenne mio nonno” racconta Giulio Wilson cantautore fiorentino, che alterna la passione per la musica all'attività di enologo e produttore di vini in Toscana. La sua carriera artistica inizia con l’album Soli Nel Midwest, prodotto da Enzo Iacchetti. Nel corso degli anni ha collaborato con molti artisti, tra cui Vinicio Capossela, Roberto Piumini, Bobby Solo, Roy Paci, con I musici di Francesco Guccini e con gli Inti-Illimani.

Accompagnato da I Musici di Guccini, Wilson scrive e canta questo brano che diventa diventa un percorso cronologico e storico sugli avvenimenti dal Dopoguerra, con al centro il tema del cambiamento attraverso “l’Italia”. Ma analizzando il testo si può intuire che l’Italia era proprio sua nonna. “L’Italia era una donna che ballava la quadriglia...”.

Lettere d'amore, potenti, emozionanti, ancor di più nel mezzo di un conflitto mondiale. In particolare sono tre le missive che hanno ispirato il cantautore fiorentino: la prima, datata 18 novembre 1942, risale al periodo in cui Dante era soldato in Sicilia, Tra le altre cose, racconta, scusandosi, di non aver abbastanza carta per scrivere... La seconda lettera è di vero amore, scritta due giorni dopo l’8 settembre 1943, il giorno dell'armistizio. La terza viene stilata a guerra conclusa. Il problema è la mancanza di lavoro. Dante si scusa, non può andare a Fossolo dalla sua Mentina perché è stato richiamato in servizio alla stazione di San Lazzaro di Bologna. “Mi dovrò privare di un tuo saluto, di una tua carezza, privarmi di un dolce bacio sulle tue labbra..."

Il video, diretto da Paul Harden, è in animazione 3D e prodotto da Ackagi.

ROMANZO EPISTOLARE, STORIA D'ALTRI TEMPI - IL CLIP



I più letti