nokia windows phone
Microsoft
nokia windows phone
Tecnologia

La storia di Windows Phone in 10 modelli

A ottobre Microsoft ha ufficialmente terminato il progetto smartphone eppure negli anni qualcosa di buono aveva fatto: ecco i telefonini da ricordare

Il cambio di passo più evidente è l’arrivo sul Microsoft Store dei Galaxy S8 e Galaxy S8+. Sul negozio digitale internazionale (non ancora quello italiano) chiunque può acquistare uno dei due modelli Android, a dimostrazione di come la multinazionale abbia definitivamente smesso di fare telefoni, spostando le strategie di business su altro.

A ottobre di quest’anno (ma i sentori c'erano già da un po') l’annuncio che in molti si aspettavano da tempo: lo stop al progetto hardware legato a Windows Phone, ovvero niente più telefonini nuovi realizzati dai laboratori di Redmond ma solo aggiornamenti software per quelli esistenti, fin quando ce la faranno a supportare le novità degli sviluppatori ovviamente.

Eppure nel tempo di dispositivi qualitativamente buoni, col marchio finestrato, ne abbiamo visti, una prova di come bastasse migliorare alcuni aspetti nel design e nel sistema operativo per tentare di non perdere troppo terreno nei confronti dei rivali, che intano hanno preso il largo.

Cosa non è andato? Probabilmente la mancanza di tante applicazioni che quando serviva non avevano ancora visto la luce su Windows Phone: Instagram e YouTube tra tutte ma la lista è lunga, molto lunga, comprensiva di videogame e programmi di utilità, oramai ben consolidati su Android e iOS.

Il punto forte di Windows Phone resta, ancora oggi perché ne ha uno, l’integrazione con servizi Microsoft e un comparto multimediale interessante, seppur sorpassato dai recenti Huawei, LG, Galaxy e iPhone.

Ecco cosa ricorderemo della breve ma intensa vita di Windows Phone.

Per saperne di più

Il meglio di Windows Phone in 10 modelli

Microsoft
Lumia 930 - A vederlo così sembra un telefono di almeno 10 anni fa e invece dista da noi poco più di due anni (aprile 2015). Dalla sua resta un corpo in metallo in quattro colorazioni e un comparto multimediale che poteva contare sulla suite musico-videoludica di Microsoft-Xbox e una buona durata dell’autonomia. Peccava nelle prestazioni della CPU ma il problema era sempre la mancanza di app competitive.
Ti potrebbe piacere anche

I più letti