Dopo il terremoto nel Sichuan e altre foto del giorno, 22.4.2013
Dopo il terremoto nel Sichuan e altre foto del giorno, 22.4.2013
Foto

Dopo il terremoto nel Sichuan e altre foto del giorno, 22.4.2013

La giornata di oggi in otto scatti, dalla Cina alla Somalia, da Londra a Nuova Delhi

Gli scatti della selezione di oggi ci portano nell'area di Lushan, nella provincia del Sichuan, in Cina, dopo il terremoto; nel cimitero militare dell'Armata Rossa a Cybinka, nella Polonia occidentale; nella residenza di campagna di Putin a Novo-Ogariovo, fuori Mosca, in Russia; a Tosno, nella regione di San Pietroburgo, in Russia; e poi a Londra, a Pohang in Corea del Sud, a Nuova Delhi in India, e a Jazira, alla periferia di Mogadiscio, in Somalia.


"Immagini che scorrono sul monitor delle "agenzie": il mondo come lo avvertiamo,  mediato, non dall'impossibile ritmo continuo delle televisioni, ma dal  ritmo discreto degli scatti dei fotografi; un flusso di momenti che  inquadrano una giornata. Una serie di "istanti infiniti" che ci aiutano a  vedere. Nessuna ambizione di primato estetico - troppo veloce e caotica  la selezione; ma, certamente, il valore estetico delle fotografie scelte è parte della loro funzione, non solo "documento", ma soprattutto  espressione delle possibilità della fotografia come media narrativo e  rappresentativo."

SAJJAD HUSSAIN/AFP/Getty Images

22 aprile 2013. Una donna cammina accanto a un muro su cui una scritta inneggia "Impiccate lo stupratore", a Nuova Delhi, India.

La polizia indiana ha arrestato oggi un secondo sospetto in relazione allo stupro di una bimba di 5 anni, seviziata e mutilata per quaranta ore di fila, ennesimo caso di violenza carnale che ha scatenato l'ira dell'opinione pubblica: si chiama Pradeep Kumar, e sembra si tratti di un parente di Manoj Kumar, già finito in carcere per l'aggressione alla piccola. Anch'egli è stato infatti sorpreso in casa di un congiunto nello Stato orientale del Bihar, dove era stato individuato il primo arrestato. Secondo fonti investigative riservate, sarebbe stato proprio quest'ultimo a coinvolgerlo, sostenendo che avrebbe preso parte allo scempio. Sarà presto condotto nella capitale per essere interrogato e messo a confronto con il presunto complice.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti