Vagabondages, Sergio Larrain in retrospettiva al Forte di Bard
Vagabondages, Sergio Larrain in retrospettiva al Forte di Bard
Foto

Vagabondages, Sergio Larrain in retrospettiva al Forte di Bard

In Valle d'Aosta una mostra omaggia l'artista cileno, già collaboratore di Magnum, che nel '78 rinunciò alla fotografia e scelse una vita solitaria

In collaborazione con l'agenzia Magnum Photos, il Forte di Bard, in Valle d'Aosta, presenta dal 25 giugno prossimo la mostra Sergio Larrain. Vagabondages , la prima retrospettiva italiana dedicata al fotografo cileno scomparso nel 2012, già esposizione-evento ai Rencontres d'Arles del 2013. 

La mostra propone 127 fotografie in bianco e nero scattate tra il 1950 e il 1964, il periodo di maggiore attività di Sergio Larrain, nato a Santiago del Cile nel 1931. Figlio di un celebre architetto, dopo 3 anni di insoddisfacenti studi in ingegneria forestale negli Stati Uniti, dal '50 inizia a fotografare con una Leica IIIC e, tornato in Cile, a sviluppare le sue foto in un piccolo laboratorio allestito in casa. Ottiene il suo primo lavoro importante 5 anni dopo, per il settimanale illustrato brasiliano O Cruzeiro: l'inizio di un'intensa vita professionale che dal 1959 lo porterà a collaborare, su invito del fondatore Cartier-Bresson con l'agenzia Magnum Photos . Lavorerà con il Premio Nobel per la Letteratura Pablo Neruda, scattando le foto per Una casa en la arena  e collaborando con lui per il suo primo libro, Valparaiso .

Nel 1978, non riuscendo più a trovare nella fotografia la propria libertà, decise di abbandonarla, e di ritirarsi a vita privata, iniziando un percorso di introspezione mistica in un paesino sulla cordigliera cilena, nel silenzio delle Ande, lontano dal mondo e dalla società. Lì avrebbe insegnato yoga e disegno, scritto libri e poesie, e vissuto in maniera autosufficiente fino alla morte. Oggi le sue opere fanno parte delle collezioni di musei e collezioni prestigiose, tra cui quella del MOMA di New York.

Larrain fu a lungo fermamente contrario all’idea di una mostra retrospettiva sul suo lavoro - che anzi avrebbe desiderato distruggere - timoroso di perdere l'isolamento conquistato, ma alla fine della sua vita accettò che a curarla fosse Agnès Sire, direttrice della Fondazione Henri Cartier-Bresson e amica del fotografo, col quale intrattenne una corrispondenza per trent'anni. Garantendogli che la mostra e i libri su di lui avrebbero "dato conforto all’umanità", Sire riuscì a strappargli il consenso sulla riproduzione delle sue fotografie.

 

Sergio Larrain. Vagabondages 

coproduzione Magnum PhotosFondation Henri Cartier-Bresson

a cura di da Agnès Sire

25 giugno/9 novembre 2014

Sale delle Cantine del Forte di Bard, Valle d’Aosta

 

Accompagna la mostra il catalogo Sergio Larrain: Vagabond Photographer , edizioni Thames and Hudson’s, a cura di Agnès Sire e Gonzalo Leiva Quijada, premiato col Best Photography Book Award  dalla Kraszna-Krausz Foundation, prestigioso premio anglosassone all’editoria fotografica.

© Sergio Larrain/Magnum Photos

Potosi, Bolivia, 1960.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti