Fiori nella rugiada alle prime luci del giorno
Fiori nella rugiada alle prime luci del giorno
Foto

Fiori nella rugiada alle prime luci del giorno

La natura dà spettacolo nelle macrofotografie di Alberto Ghizzi Panizza

I colori e le forme meravigliose di semplici fiori visti attraverso minuscole e effimere gocce di rugiada, poggiate su steli d'erba, rametti o fili di ragnatele​, all​e prime luci del giorno: è l'incantevole spettacolo della natura catturato con pazienza e maestria dal fotografo​ Alberto Ghizzi Panizza. Nato a Parma nel 1975, apppassionato di natura e paesaggi, ​​ha iniziato a fotografare nel 1997 e da tempo si è specializzato nella macrofotografia, campo in cui davvero eccelle.

Nel 2013 si è parlato molto di una sua fotografia che, prima classificata nella categoria "Mondo animale" del concorso fotografico di National Geographic Italia, venne squalificata per aver violato una norma del regolamento che vieta "fotomontaggi ed esposizioni multiple". Appostato come d'abitudine tra le golene del Po, per immortalare ​in quell'immagine ​le due​ ​damigelle​ ​che si contendono un fiore,​ ​aveva​ ​usato la tecnica del focus-stacking, unendo cioè più scatti successivi realizzati nell'arco di pochi secondi​ ​"con le stesse identiche impostazioni della macchina fotografica, ma variando la posizione della fotocamera di qualche millimetro a ogni scatto, con una slitta micrometrica montata sul cavalletto che consente spostamenti anche di un ventesimo di millimetro". ​L'autore - e non solo lui - ha messo in discussione che si tratti di una manipolazione, rivendicando "l'autenticità" dell'immagine: semplicemente l'ha ottenuta con una tecnica che permette di catturare dettagli e nitidezza altrimenti difficili da fermare in un singolo scatto​,​ per la ridotta profondità di campo consentita dagli obiettivi macro​.

Alberto ci racconta che ​​non ci sono trucchi: le fotografie ​che vediamo in questa gallery ​- a cui sarà dedicato il numero di aprile della rivista NikonPro - sono per lo più scatti singoli; solo talvolta usa dei pannelli riflettenti​; e interviene in post-produzione solo per calibrare al meglio i file RAW, mai manipolando le immagini. I suoi "ingredienti magici", come per tanti bravi fotografi, sono lo studio e la pazienza.

Alberto Ghizzi Panizza/Rex/Olycom
Marzo 2015
Ti potrebbe piacere anche

I più letti