Photo Department

-

Queste foto di Matt Cardy ci portano a "Dream City", uno dei nuovi nuclei residenziali di lusso attualmente in costruzione intorno a Erbil, l'antichissima città dell'Iraq riconosciuta patrimonio dell'umanità dall'Unesco. La capitale della Regione autonoma del Kurdistan, che conta 1.5 milioni di abitanti, è anche un centro petrolifero in veloce crescita, in cui sono attive numerose compagnie occidentali. Dal 2003 qui hanno preso forma numerosi di questi nuovi quartieri con grattacieli in stile Dubai, tra tutti l'Empire World, con le sue modernissime torri "Empire Diamond". Ciascuno ha la sua moschea, le sue aree commerciali e le sue scuole.

Il valore delle 1.200 unità abitative in vendita nella "Città da sogno", non lontana dal nuovo aeroporto internazionale, varia molto a seconda della metratura, che va dai 250 ai 900 metri quadrati. Le ville murate e recintate sono valutate intorno al milione di dollari, ma si arriva fino ai 20 milioni di dollari chiesti per l'edificio più prestigioso del quartiere: una replica della Casa Bianca. Nonostante l'insicurezza della regione e la minaccia del sedicente Stato islamico a poche decine di chilometri di distanza abbiano smorzato alcuni entusiasmi, Erbil continua a essere vista da alcuni investitori come la nuova possibile Dubai e lo skyline della città si evolve a ritmo sostenuto.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Foto da Erbil, cuore del Kurdistan iracheno

In mostra a Roma, la bellezza e il mistero di uno tra i più antichi insediamenti umani al mondo

In fuga dall'Isis: i profughi curdi verso la Turchia

Nelle fotografie di Bulent Kilic, la paura e il coraggio della popolazione in cerca di riparo dalla furia dei jihadisti, sul confine turco-siriano

Donne curde in armi contro l'ISIS

Immagini dall'Iraq: la guerra contro i tagliagole dello Stato islamico è anche al femminile

Si fa presto a dire Kurdistan

Iran, Iraq, Siria, Turchia e Armenia. I curdi sono un popolo “incastrato” all’interno di questi Paesi. Dopo la guerra allo Stato Islamico potrebbero avere un futuro unito, se la politica e la lungimiranza prevarranno sulle armi

Commenti