Photo Department

-

Inaugura il 30 giugno presso la Leica Galerie Milano la mostra Flâneur: in esposizione oltre 30 scatti del giornalista e celebre fotografo fiorentino Piergiorgio Branzi, realizzata in collaborazione con Contrasto Galleria Milano.

La parola Flâneur che dà il titolo alla mostra, resa celebre da Charles Baudelaire, e in seguito da Walter Benjamin, indica il gentiluomo che, vagando per le vie delle città, si immerge nelle atmosfere dei luoghi e assapora le emozioni provate osservandone il paesaggio. Come mostrano le fotografie di questa piccola mostra personale, Piergiorgio Branzi, classe 1928, ha fatto della flânerie - l'andare a zonzo, il gironzolare, il bighellonare - un vero e proprio approccio alla fotografia. 

Incarnando l'anima più colta e aristocratica della fotografia italiana, Branzi si è formato nella tradizione figurativa rinascimentale toscana, presto abbandonando la ricerca formale per diventare un maestro del "ritratto ambientato". Monsignori, bambini, borghesi, paesani, colti di sorpresa, con sottile sarcasmo, restano in equilibrio tra un lirismo sommesso e una vivida caratterizzazione psicologica. L'immagine, rigorosamente bilanciata nella composizione, è per Branzi il prodotto di previsioni, riflessioni, aggiustamenti di tono e tagli in camera oscura, di equilibrio formale e momento decisivo nella ripresa.

Fondamentale nell'evoluzione stilistica dell'autore toscano è stato l'incontro con Mario Giacomelli, di cui Branzi ha detto: "Aveva più o meno la mia età, e con lui stabilii un certo sodalizio artistico, perché tutti e due impegnati, in quel momento, a scandagliare le possibilità d’impianto espressionista: toni definitivamente neri e bianchi bucati, mangiati nella ripresa e nella stampa. In accordo definimmo questo segno l’identificazione stessa del fare fotografia, e su questo richiamo alla grafica stabilimmo un rapporto di intesa che contribuì ad avvicinarci anche sul piano dell’amicizia.

Con la tecnica della stampa giclée, utilizzata per la maggior parte delle fotografie in mostra, le sue immagini dal denso contrasto sembrano animarsi di una luce nuova. Particolari rimasti sepolti sulla pellicola riaffiorano, diventano materia, intessono di spessore il nero e il bianco della trama e le fotografie trovano una dimensione diversa, più nuova e insieme antica.

Flâneur - Piergiorgio Branzi
30 giugno - 12 settembre 2015
Leica Galerie Milano
Via Mengoni 4, angolo Piazza Duomo
Ingresso libero

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Francesca Woodman e Birgit Jürgenssen in mostra

Una doppia personale celebra a Merano due tra le esponenti femminili più importanti dell'arte contemporanea

Elliott Erwitt, Scatti personali

Pubblicato da Electa, torna in libreria il volume del 1988 che raccoglie le argute e autoironiche fotografie "private" del grande maestro

Il Ramadan nelle foto più belle

I musulmani di tutto il mondo stanno celebrando il mese sacro dedicato al digiuno, alla preghiera e alla solidarietà

Art Kane il visionario in mostra a Modena

Dal 25 giugno, a Palazzo Santa Margherita, oltre 100 scatti del leggendario fotografo statunitense a 20 anni dalla scomparsa

Glastonbury Festival: un album dei ricordi

Dalle immagini in bianco e nero del 1971 a quelle delle ultime edizioni: un tuffo nell'atmosfera del celebre festival musicale che comincia domani nel Somerset inglese

Le migliori foto dell'anno scattate con iPhone

Tutte le immagini premiate nelle 20 categorie del concorso iPhone Photography Awards 2015

Commenti