Nell'ambito del suo programma Global Imaging Ambassadors, che "celebra la bellezza della fotografia", Sony ha lanciato l'iniziativa #FutureofCities, in collaborazione con l'agenzia Panos Pictures  e con la World Photography Organisation.

A una quindicina di fotografi è stato dato incarico di raccontare, lungo un periodo di 9 mesi, quelle città del mondo che stanno vivendo le più rapide trasformazioni, anche in conseguenza delle migrazioni interne su larga scala che vedono milioni di persone spostarsi dalle zone rurali alle aree urbane. 

Seguiremo nelle prossime settimane il percorso di #FutureofCities, che ci porterà a Londra e poi a Los Angeles, in Messico, in Brasile, spingendosi a raccontare anche storie di città d'Africa, Asia e Europa settentrionale. I reportage assegnati affronteranno, tra gli altri, temi come l'agricoltura urbana, le abitazioni ecologiche, le innovazioni tecnologiche, gli spazi verdi, le differenze economiche.

Il viaggio inizia in Cina, da dove il fotografo Adam Dean ci racconta la "grande, affollata, brulicante" Metropolitana di Pechino, osservando la vita quotidiana delle persone che la popolano, con un reportage di cui vi proponiamo una selezione. Aperta nel 1969, la rete metropolitana della capitale cinese, è la seconda più grande al mondo: estesa su 465 chilometri di binari (è in progetto di raddoppiarli a 1050 entro il 2020), servendo la vasta area urbana e suburbana, è formata da 17 linee, con oltre 232 stazioni e un trafficio giornaliero di 9.5 millioni di passeggeri

Con le sue immagini Adam Dean, che in una città terribilmente afflitta dallo smog guarda alla rete metropolitana come a una promessa di futuro sostenibile, ha voluto raccontare la realtà di questo elemento onnipresente nell'intera Pechino, luogo notoriamente molto affollato e caotico, ma fondamentale per permettere di spostarsi in una città dove il numero di abitanti è in continua crescita.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perù: immagini di viaggio

Si intitola Perù - Tan lejos tan cerca, la mostra fotografica allestita al Mueso Nazionale Pigorini di Roma. Un omaggio ai volontari dell'operazione Mato Grosso

Commenti