Il fotografo Paul Souders  di Carlisle, in Pennsylvania, classe 1961, ha vinto il Grand Prize del National Geographic Photo Contest 2013 , il premio principale del concorso organizzato annualmente dalla celebre rivista scientifica. Con The Ice Bear, la foto di un orso polare del Manitoba tra i ghiacci in discioglimento nella Baia di Hudson, sulla costa nord-orientale del Canada, Souders si è aggiudicato 10.000 dollari e la partecipazione a un seminario di fotografia che si svolgerà il mese prossimo nel quartier generale del National Geographic a Washington. Vincitrice assoluta, la foto dell'Orso polare - già premiata nella categoria "Animali nel loro habitat" dal Wildlife Photographer of the Year 2013  - ha vinto anche nella categoria Natura, una delle tre del concorso. 

 

Nella seconda categoria, People (Persone), ha vinto la danese Cecile Baudier con il ritratto di due gemelli identici di 15 anni, parte di una serie dal titolo "Insieme, da soli". Nella terza categoria, Places (Luoghi) ha vinto il malese Adam Tan, con una foto scattata in Cina, dal titolo "Long Road a Daybreak", che racconta la lentezza in un mondo in rapida trasformazione. I vincitori sono stati scelti valutando la creatività e la qualità fotografica da una giuria di esperti, formata dalla senior Photo Editor dell'NG, Susan Welchman, e dai fotogiornalisti Ed Kashi  e Stephanie Sinclair .  


All'edizione di quest'anno - come sempre aperta a tutti i fotografi, dai fotoamatori ai professionisti - hanno partecipato oltre 7.000 fotografi  da almeno 150 Paesi, che hanno risposto all'invito pubblicato dalla rivista in novembre.   


VEDI ANCHE: National Geographic Photo Contest 2012  - National Geographic compie 125 anni  

© Riproduzione Riservata

Commenti