Rita Fenini

-

Ideata e diretta da Fabio Castelli e Lorenza Castelli, anche quest'anno - per il nono anno consecutivo - il MIA Photo Fair garantirà ad appassionati e collezionisti un accesso privilegiato al mondo della fotografia: 135 il numero totale degli espositori (per quasi un terzo provenienti dall’estero), suddivisi tra progetti speciali, editoria e progetti a 4 mani

In otto anni di storia - ha dichiarato Fabio Castelli - abbiamo assistito alla crescita di MIA Photo Fair, non solo come contenitore espositivo, ma come piattaforma culturale, sempre attenta ad accogliere le ultime istanze che provenivano dall’universo fotografico. Parallelamente abbiamo percepito una sempre più ampia considerazione sia dei visitatori, sia degli appassionati di questa forma d’arte, sia degli addetti ai lavori e degli investitori, soprattutto internazionali. Il fatto che anche all’estero MIA Photo Fair venga riconosciuta come una fiera di riferimento per la sua qualità e la sua serietà è un valore aggiunto di non poco conto”.

Dove e Quando

Il MIA Photo Fair apre al pubblico dal 22 al 25 marzo 2019

Ad ospitare l'evento gli spazi del The Mall – Milano Porta Nuova in P.zza Lina Bo Bardi

Le novità del 2019

MIA Photo Fair ha sempre cercato di essere una piattaforma su cui discutere di fotografia nei suoi molteplici aspetti: ecco perché l’edizione 2019 si arricchirà di una nuova sezione - dal titolo Beyond Photography - con l’intento di sottolineare cosa vuol dire oggi "fotografia", soprattutto in rapporto al mondo dell’arte contemporanea.

Tra le molte novità da sottolineare, anche la collaborazione con Photo Independent, la fiera di fotografia di Los Angeles che sonda le nuove generazioni di fotografi indipendenti: lo spazio di Photo Independent proporrà una selezione dei più interessanti autori, scelti tra i molti che hanno esposto nella rassegna californiana.

Di notevole importanza, all'interno del MIA, anche l'architettura e il design: particolarmente interessante sarà il percorso che Fabio Novembre, uno degli architetti e designer italiani più conosciuti e apprezzati a livello internazionale (nonché grande appassionato e collezionista di fotografia), comporrà selezionando alcune delle opere esposte a MIA Photo Fair.

Proposta MIA

Fra gli appuntamenti più attesi di MIA Photo Fair è sicuramente Proposta MIA, la sezione dedicata a fotografi indipendenti - selezionati dal comitato scientifico - che si presentano al mondo delle gallerie e al pubblico e che, nel tempo, si è rilevata essere una vera risorsa per gli autori, consentendo a molti di loro di entrare a fare parte della scuderia di prestigiose gallerie.

Arte e Scienza

All’interno del ricco programma culturale di MIA Photo Fair, un posto di riguardo lo avrà il format Arte e Scienza, volto a indagare i rapporti tra la fotografia d'arte e le diverse branche della scienza.

Già molto apprezzato nella scorsa edizione, quest’anno il dialogo si concentrerà sul tema delle neuroscienze e verrà sviluppato in collaborazione con l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, nuovo partner scientifico del format.

Gli incontri vedranno la partecipazione di figure accademiche dell'area umanistica e scientifica che discuteranno su arte, neuroscienze e filosofia

Di grande importanza anche il focus sulla nuova collezione di fotografia contemporanea dei Musei Vaticani (previsto per lunedì 25 marzo, ore 12.00), che vedrà la partecipazione di Barbara Jatta, direttore Musei Vaticani e Micol Forti, curatrice della Collezione d’Arte Contemporanea dei Musei Vaticani


Il programma completo e dettagliato degli appuntamenti è scaricabile sul sito del MIA PHOTO FAIR


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Woodstock: le foto dei tre giorni che hanno cambiato il mondo

In occasione del 50° anniversario del più importante festival musicale di tutti i tempi, Hoepli pubblica un volume di immagini straordinarie e inedite testimonianze

Resilient: l'Africa di Marco Gualazzini in mostra a Milano

In mostra sino al 24 marzo, negli spazi di Forma Meravigli, le intense immagini dei reportage realizzati da Marco Gualazzini in Africa

Luigi Ghirri: le sue foto in mostra a Parigi

Sino al 2 giugno 2019, le "Jeu de Pome" ospita un'interessante retrospettiva del noto fotografo emiliano con focus sugli anni '70

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965