Rita Fenini

-

Gigi Hadid immortalata con Alexander Wang, Julia Garner, Misty Copeland con Calvin Royal III e Laetitia Casta insieme a Sergei Polunin: quaranta scatti a colori e in bianco e nero, una splendida e patinata sequenza di fotogrammi ispirati dalla grande passione del fotografo Albert Watson per il cinema. 

Questo, in sintesi, "Dreaming", il Calendario Pirelli 2019 giunto alla sua quarantaseiesima edizione e realizzato dall'iconico fotografo scozzese ad aprile, tra Miami e New York 

Filo conduttore di questo racconto per immagini è il "sogno", una dimensione onirica e non ben definita in cui, come afferma lo stesso Watson, “Ciascuna delle quattro donne protagoniste ha un’individualità a sé stante, un suo specifico scopo nella vita e un proprio modo di fare le cose. E tutte sono concentrate sul loro futuro. Quindi, il tema di fondo è quello dei ‘sogni’, ma l’idea alla base dell’intero progetto è il racconto attraverso quattro ‘piccoli film’”.

Gigi Hadid

Uno degli angeli sexy più amati di Victoria's Secret, la giovane top Gigi Hadid è probabilmente la regina del Calendario Pirelli: per lei, Watson ha scelto il ruolo di una giovane ereditiera che vive in solitudine in una torre di vetro e ha in Alexander Wang l’unico amico e confidente: “Penso ci sia un po’ di malinconia in queste immagini. Con il personaggio di Gigi Hadid - ha dichiarato l'autore -  volevo trasmettere la percezione di una donna che pensa al futuro, ma anche un senso di solitudine. La vediamo che pensa a dove andrà nella vita, a che cosa farà domani. Volevo che fosse molto più ‘minimalista’ delle altre donne che ho fotografato e dei loro ambienti”.

Albert Watson, breve biografia

Nato e cresciuto a Edimburgo, Albert Watson ha studiato Graphic Design al "Duncan of Jordanstone College of Art and Design" a Dundee e cinema e televisione al "Royal College of Art" di Londra.

Benché non vedente da un occhio fin dalla nascita, la fotografia era parte del suo piano di studi e nel 1970, quando si trasferisce negli USA con la moglie Elizabeth, Albert inizia a scattare foto, soprattutto per hobby.

Da allora a oggi Albert Watson si è affermato come uno dei fotografi di maggior successo e prolifici al mondo grazie alla sua personale capacità di fondere arte, moda e fotografia pubblicitaria in alcune delle immagini più iconiche di sempre.

La varietà e la vastità della sua opera non hanno eguali: dai ritratti di Alfred Hitchcock e Steve Jobs ai beauty shots di Kate Moss, dai paesaggi di Las Vegas alle nature morte realizzate fotografando i manufatti del re Tutankhamon, le sue opere sono presenti nelle gallerie e nei musei di tutto il mondo e la rivista "Photo District News", bibbia dell’industria fotografica, ha inserito Albert fra i 20 fotografi più influenti di tutti i tempi, insieme – tra gli altri – a Irving Penn e Richard Avedon.

Watson ha vinto numerosi premi e nel giugno 2015 la regina Elisabetta II gli ha conferito il titolo di Ufficiale dell’ordine dell’Impero britannico (OBE) per il contributo reso all’arte fotografica nell’arco di una vita

© Riproduzione Riservata

Commenti