Rita Fenini

-

In circa 120 immagini, l' "Antologica" mette in mostra il percorso artistico di Alfa Castaldi, un fotografo che ha fatto del suo stile personalissimo una firma spendibile in settori tra loro distanti ma avvicinati da una sensibilità tutta particolare: dal reportage alle pagine di moda, Castaldi ha fatto della fotografia il fulcro della sua vita. Dagli inizi, seduto ai tavolini del Bar Jamaica di Brera insieme alle personalità artistiche più influenti degli anni Cinquanta e Sessanta, passando per i primi reportage per "L'Illustrazione Italiana" e "Settimo Giorno" e gli scatti alle personalità di spicco di cinema e cultura, giungendo al sodalizio – professionale e affettivo - con Anna Piaggi (che lo porterà sulle pagine di Annabella prima e di Vogue poi, con servizi esclusivi e di complessità unica, anche ispirati al cubismo picassiano), Alfa Castaldi è rappresentante unico di un fotogiornalismo di ricerca assolutamente innovativo. Famosissimi e geniali i suoi servizi sul vestire italiano maschile, ispirati alle radici etnografiche più profonde alle quali guardava con interesse speciale, che lo portarono (negli anni Settanta) a pubblicare sulle pagine dell'Uomo Vogue uno shooting interamente scattato in Sardegna, a gente comune e pastori.


ALFA CASTALDI: ANTOLOGICA
dal 12 dicembre 2015 al 13 gennaio 2016
wavegallery corsini
via trieste 32 | brescia

© Riproduzione Riservata

Commenti