Photo Department

-

L'agenzia metereologica del Giappone ha comunicato il 29 marzo che la piena fioritura dei ciliegi è cominciata nel Paese, con cinque giorni di anticipo rispetto alla media. Finito il lungo inverno, la primavera ha fatto dunque la sua attesa ricomparsa e per darle il benvenuto i giapponesi tornano come ogni anno a praticare l'hanami (che significa appunto "ammirare i fiori"), l'osservazione rituale dei meravigliosi e caduchi fiori di ciliegio. Questa antica tradizione è espressione dell'innata passione nipponica per la poetica contemplazione della natura, simbolo della bellezza e della precarietà dell'esistenza. 

Questa pratica è diffusissima e molto amata da milioni di giapponesi che ogni anno raggiungono le località più conosciute - tra cui l'isola di Okinawa, Tokyo e Kyoto - per la bellezza di questo "spettacolo" della natura, osservabile generalmente, a seconda della latitudine, da inizio aprile fino a metà maggio. In queste immagini, ecco i ciliegi in fiore nel Parco Ueno e nel Parco Chidorigafuchi della capitale.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Giappone, i cimiteri hi-tech in verticale

Per #FutureofCities, il fotografo Noriko Hayashi ci porta nei "camposanti" tecnologici di Tokyo e Nagoya

Uomini nudi contro la sfortuna in Giappone

Le foto di Trevor Williams da Okayama ci raccontano la curiosa tradizione shintoista

'La promessa dei ciliegi' e il terremoto in Giappone

Keiko Ichiguchi ci racconta come affronta la paura della morte

Google Street View sul "treno proiettile" in Giappone

Un viaggio virtuale a bordo dei convogli che su una nuova tratta ad alta velocità collegano Tokyo a Kanazawa, città storica sul Mar del Giappone

Commenti