Photo Department

-

Torna, con la sua quinta edizione, l'ormai celebre concorso di fotografia Wiki Loves Monuments, rivolto a tutti i fotografi - amatoriali, professionisti o aspiranti tali - a contribuire a diffondere la conoscenza delle bellezze artistiche e dei monumenti italiani.

Il concorso, che registra numeri di partecipanti in costante crescita a ogni edizione, ha carattere internazionale ed è promosso sul territorio nazionale da Wikimedia Italia. Nella classifica generale, il nostro Paese ha il primato nel numero di fotografi registrati e il quinto posto per numero di immagini caricate. 

La competizione è aperta dal 1° al 30 settembre. Per partecipare, occorre è sufficiente scegliere uno dei monumenti elencati sul sito del concorso e caricare uno o più scatti su Wikimedia Commons con licenza Creative Commons CC-BY-SA 4.0.

Euronics, il Gruppo d'acquisto di elettronica leader in Italia, per il terzo anno è rinnovato partner del concorso, e insieme a Canon mette in palio dei premi. Dai buoni di valore fino a 500 Euro da utilizzare per l'acquisto di prodotti Canon, al Premio Speciale, istituito per il secondo anno, che punta sulla tecnologia a sostegno della fotografia. Chi realizzerà la migliore foto in bianco e nero avrà in premio una stampante professionale PIXMA PRO 100S, top di gamma Canon per la stampa, anche di riproduzioni artistiche.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

World Press Photo 2016, i vincitori

Nella foto dell'anno, di Warren Richardson, un neonato fatto passare sotto il filo spinato al confine tra Serbia e Ungheria

National Geographic Traveler 2015, le foto dei vincitori

Gli scatti spettacolari premiati dal concorso fotografico della rivista dedicata al viaggio e alle avventure

Sony World Photography Awards 2016: le foto dei vincitori

Il fotografo dell'anno è l'iraniano Asghar Khamseh, per i suoi ritratti a vittime di attacchi con l’acido. Nove gli italiani premiati

#ILoveFilters. I vincitori del concorso fotografico "Aria Pulita"

Un progetto (e un concorso fotografico) che vuole farci riflettere su come “aria pulita” significhi non solo una vita migliore, ma anche un contributo per salvare vite umane

Commenti