Piazza Taksim, 18 giugno

Piazza Taksim, Istanbul, Turchia, 18 giugno 2013.

Photo Department

-

Dopo quasi tre settimane di violenze, una nuova forma di protesta è comparsa in piazza Taksim, a Istanbul: lunedì sera un uomo si è piazzato da solo, in piedi, al centro della piazza, e non si è mosso per otto ore, fissando in silenzio le grandi bandiere turche che coprono un edificio su uno dei lati della piazza. La protesta silenziosa e pacifica del coreografo Erdem Gündüz, è stata subito imitata da centinaia di persone nella piazza e poi in tutto il Paese.

 

"L'uomo in piedi" - come l'hanno ribattezzato i social media - è rimasto fermo per diverse ore a piazza Taksim, con gli occhi fissi verso il centro Culturale Ataturk: per ore fermo, con le mani in tasca, una borsa e alcune bottiglie d'acqua ai suoi piedi. Dopo un po' il suo atto di protesta è stato seguito da alcune centinaia di persone, ma dopo alcune ore lui e i circa 300 chesi erano uniti a lui, nonostante non pronunciassero alcuno slogan anti-governativo, sono stati fatti allontanare. Trattenuto brevemente, l'uomo è stato poi rilasciato.

 

La notizia della protesta silenziosa è dilagata rapidamente nel web e l'hashtag di Twitter # duranadam  (l'uomo in piedi) è rapidamente balzato al top di quelli più utilizzati; e nel giro di qualche ora sono cominciate a circolare immagini di persone in piedi ovunque: in altre parti di Istanbul, nella capitale Ankara, a Smirne sulla costa del Mar Egeo. (AGI) 

© Riproduzione Riservata

Commenti