Da tutto il mondo, la selezione dei migliori scatti degli ultimi 7 giorni ci hanno portato le immagini di:

SORRISI E SMORFIE

Da Raqqa liberata dall'Isis l'esultanza dei miliziani curdi che hanno liberato quella che era considerata la capitale logistica dello Stato Islamico dopo una durissima battaglia durata per giorni. A cui ha fatto eco la gioia dei ragazzini ritornati ad Hawila, in Iraq, dopo un esilio durato tre lunghissimi anni. Una guerra ancora - ma solo una finta -  riesce a strappare una risata sul volto di una partecipante in un'istantanea presa durante la rievocazione della Seconda Guerra Mondiale in Inghilterra. Sempre nel Regno Unito la duchessa di Cambridge Kate Middleton ha ritrovato il sorriso dopo le nausee della terza gravidanza ballando con un personaggio iconico per gli inglesi: L'orso Paddington.

Un sorriso agghiacciante quello della ultraottantenne tedesca Ursula Haverbeck, rinviata a giudizio a Berlino per l'ennesima accusa di negazionismo dell'Olocausto. Una smorfia di tensione quella mostrata dal Presidente americano Donald Trump, costantemente al centro delle polemiche, durante una sessione di interviste radiofoniche a Washington. Una smorfia di dolore quella del giovane ultraortodosso che a Gerusalemme è stato allontanato di forza dalla Polizia durante le manifestazioni contro la leva militare di Israele, contraria ai principi dell'ortodossia in quanto distrarrebbe i giovani dallo studio dei testi sacri nelle scuole religiose. Un sorriso, ma di sfida, quello della ragazzina colta dai fotografi a sfidare la forza dell'uragano Ophelia lungo la costa settentrionale Scozzese.

ELEZIONI TERMINATE, ELEZIONI A VENIRE, TRIONFI DI PARTITO

Erano iniziate tra gli scontri. Sono finite allo stesso modo le elezioni presidenziali in Kenya, il cui esito ha nuovamente portato la violenza nelle strade per l'accusa degli oppositori del presidente ri-eletto Uhuru Kenyatta. Il volto di Nestor Kirchner ha chiuso la campagna elettorale in Argentina di Cristina Fernandez, che fu first lady quando lui era presidente. Il discreto sguardo colto dall'obbiettivo da dietro le quinte, ha regalato un'immagine teatrale della gigantesca rappresentazione della forza del partito durante il 19° Congresso del Partito Comunista Cinese.

ZUCCHE ACCESE, UNA NATURA MORTA, UNA GIORNALISTA MORTA

America, in entrambi i casi. Negli Stati uniti un simbolo della tradizione ha riprodotto un simbolo nella nazione. La notte di un sobborgo di New York è stata illuminata dalla luce spettrale di decine di zucche di Halloween, che hanno riprodotto la forma della Statua della Libertà. Uno scintillìo sinistro ha segnato invece il percorso del fiume Confuso, in Paraguay, dove un'eccezionale morìa di pesci per cause ancora ignote ha attratto gli obiettivi dei fotogiornalisti. Chiude la sequenza la drammatica immagine proveniente da Malta che ha fatto il giro del mondo: quella dei resti dell'auto su cui viaggiava la giornalista e blogger Daphne Caruana Galizia, uccisa dall'esplosione di una bomba in seguito alla pubblicazione delle sue inchieste sulla grave corruzione internazionale concentrata sull'isola.

© Riproduzione Riservata

Commenti