Photo Department

-

Con la Festa delle Marie hanno preso il via sabato 7 febbraio a Venezia le celebrazioni del Carnevale 2015. Accompagnato da gruppi storici in costume, il corteo delle 12 ragazze, portate in spalla da giovani gondolieri, si è mosso da San Piero di Castello lungo Riva degli Schiavoni, sino al palco del Gran Teatro di San Marco. Lì le "Marie" sono state presentate alla città dal principe Maurice Agosti nei panni di Casanova. La cerimonia si rifà all'omaggio che il Doge portava annualmente a dodici belle e umili fanciulle veneziane, dotandole munificamente per il matrimonio con dei gioielli dogali. Le dodici giovani si contenderanno ora per tutto il Carnevale lo scettro di Maria 2015, di colei cioè che l'anno prossimo vestirà i panni dell'Angelo. 

Proprio con il rinnovarsi dell'antica tradizione del Volo dell'Angelo dal Campanile di San Marco, che simboleggia il trionfo dello spirito del Carnevale sugli usi e costumi della quotidianità, la festa è poi esplosa domenica 8 febbraio. Nei panni della madrina alata, la 19enne Marianna Serena, prescelta tra le 12 Marie del Carnevale 2014. "Il volo l'ho immaginato mille volte - ha detto - ma è impossibile raccontarlo, vedere VENEZIA dall'alto e la gente sotto di te cancella ogni emozione; sei sul tetto della città più bella del mondo, in uno dei suoi attimi più incredibili".

In queste foto di Andrea Merola e Vincenzo Pinto, ecco i primi due giorni di quella "misurata follia" che fino a martedì 17 febbraio - quando inizierà la Quaresima - governerà la città dall'atmosfera onirica che galleggia sull'acqua, con un programma molto fitto di appuntamenti, feste nei palazzi, mostre e spettacoli. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Carnevale di Viareggio, la satira in cartapesta

I carri allegorici creati dai maestri costruttori viareggini durante la prima sfilata dell'edizione 2015

Foto dal carnevale tedesco

L'inizio della lunga "quinta stagione" carnevalesca a Düsseldorf, Magonza, Colonia, Friburgo...

Scene da Purim, il carnevale ebraico

Le immagini della più gioiosa tra le festività ebraiche, che celebra lo scampato sterminio nell'antica Persia, circa 2500 anni fa

Commenti