Photo Department

-

Settant'anni fa, il 27 gennaio 1945, i campi di concentramento nazisti di Auschwitz e Birkenau vennero liberati dalle truppe sovietiche. Vi si trovavano circa 7.000 prigionieri ancora in vita. Dal 18 gennaio gli altri scampati al massacro erano stati evacuati e costretti a una lunga marcia a piedi nel gelo dell'inverno polacco, in direzione di Bergen Belsen, durante cui a migliaia persero la vita per il freddo e la fame o vennero trucidati dai soldati del Reich. 

Il fotografo Christopher Furlong ha ritratto lo scorso dicembre a Londra, nelle loro abitazioni, 8 uomini e donne sopravvissuti all'orrore dei campi di sterminio. Oggi ultraottantenni, all'epoca in cui vennero imprigionati nei Lager erano bambini o adolescenti. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La giornata della memoria, 2015

Libri, musica, film, mostre: pensieri e idee per ricordare la Shoah nel 70esimo anniversario della liberazione di Auschwitz

Auschwitz, 70 anni fa la "marcia della morte"

Incalzati dai sovietici, i tedeschi evacuano il lager cercando di cancellare le prove dell'Olocausto. Al prezzo di altri 15 mila morti

Giornata della Memoria: all'Auditorium di Milano le opere vietate dai nazisti

Questa sera laVerdi rende omaggio, con i suoi solisti, ai compositori perseguitati nella Germania di Hitler

Le stanze della memoria: il museo di Auschwitz-Birkenau

Le immagini dal museo di Auschwitz-Birkenau, dove è conservata in una mostra permanente la memoria dell'Olocausto

Commenti