Photo Department

-

Come nel D-Day di 70 anni fa, Jock Hutton si è lanciato questo pomeriggio con il paracadute sulla costa della Normandia. L'89enne scozzese, descritto "in perfetta forma" dai media britannici, è stato il più anziano paracadutista britannico a lanciarsi, con altre centinaia di reduci e militari in servizio (suoi connazionali, ma anche francesi, americani e canadesi), nel corso di una rievocazione dell'impresa che segnò la svolta della Seconda guerra mondiale. I paracadutisti sono stati accolti dal principe Carlo e dalla moglie Camilla al ponte Pegaso di Benouville, il primo villaggio francese liberato dai paracadutisti di Sua Maestà. 

 

Intervistato dal Daily Telegraph, Hutton ha ricordato come la sua discesa, in quella notte illuminata dalla luna, sia durata pochi minuti e sia avvenuta in condizioni molto difficili: "Saltammo da 500 piedi (152 metri) e non c'era quindi il tempo per aprire un paracadute di riserva. Se il principale non si fosse aperto, bene, buonanotte". Hutton, all'epoca 19enne, faceva parte del 13esimo battaglione del reggimento dei paracadutisti. Veniva da un'infanzia travagliata, genitori scomparsi quasi nel nulla e la nonna che si era presa cura di lui morta quando era ancora giovanissimo. Il suo ingresso nell'esercito e poi nei paracadutisti fu "una sfida, prometteva buone cose", anche se poi "le fatiche furono tante". 

© Riproduzione Riservata

Commenti