Terrore ed economia, ecco come l'Isis recluta i militanti

Repressione e terrore, ecco come gli uomini del Califfato gestiscono le città che conquistano

Isis-donne-terrorismo

Donne in fuga dalla Siria – Credits: John Moore/Getty Images

Claudia Astarita

-

La persecuzione economica può essere una tattica di reclutamento per l'Isis? Secondo The Atlantic sì, soprattutto dopo aver scoperto che in Iraq e in Siria ci sono tanti militanti che sono diventati tali non per scelta ma per costrizione. Perché quando gli uomini del Califfato hanno tolto loro l'unica fonte di reddito di cui disponevano (un negozio, un banco al mercato, un paio di animali, a seconda dei casi), per sopravvivere hanno dovuto per forza unirsi all'Isis.

Anche se questi terroristi si difendono dicendo di essersi soltanto limitati a chiudere tutti quegli esercizi commerciali che istigano alla "dissolutezza", anche le testimonianze di chi non riesce a trovare lavoro perché, non dichiarandosi un simpatizzante dell'Isis, trova soltanto porte chiuse, stanno aumentando.

A sentire i racconti raccolti da The Atlantic l'unica possibilità per sopravvivere è scappare. L'Isis controlla tutto, e non lascia un briciolo di libertà a chi non si conforma ai dettami del Califfato. Anzi, per la precisione anche chi lo sostiene può decidere ben poco. Il semplice fatto di riuscire a mantenere un'attività commerciale operativa va considerato un enorme privilegio, anche se sono poi i fedelissimi del Califfo a decidere non solo i prezzi dei prodotti o dei servizi offerti ma anche la percentuale dell'incasso che può andare al proprietario o allo specialista, a seconda del caso. E naturalmente si tratta sempre e solo di uomini, perché le donne sono escluse dall'economia del Califfato per il semplice fatto di essere donne.

In un contesto di questo tipo, commentano alcuni fuggitivi che sono riusciti a mettersi in salvo in altri paesi, per i giovani soprattutto sostenere il Califfato diventa l'unica strada percorribile per vedersi garantito un reddito, per quanto minimo. La resistenza, quando vengono a mancare le risorse per la sopravvivenza, non può durare all'infinito, e non tutti hanno la forza e il coraggio per scappare. I miliziani lo sanno e ne approfittano. 

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

G20, approvato il documento conclusivo e l'allegato sul terrorismo

Lotta al terrorismo e crisi dei migranti i due temi forti emersi dal summit che ha riunito i principali leader mondiali ad Antalya

Isis: sul Giubileo è allarme terrorismo

Dopo gli attentati di Parigi , quanto è credibile la minaccia dei jihadisti al cuore della cristianità? A questo potenziale obiettivo Panorama dedica la copertina del prossimo numero in edicola

Terrorismo, si moltiplicano i falsi allarmi

In due settimane oltre 34 falsi allarmi bomba nel Centro e Nord Italia. E adesso a poche ore dall'apertura del Giubileo crescono i timori e le telefonate ai numeri di emergenza.

Il terrorismo, gli attentanti e la stringente logica dei nove anni

Come si possono spiegare ad un bambino di nove anni dei fatti che anche un adulto fatica a capire? Forse, a ben guardare, non è proprio possibile.

Allerta terrorismo: la paura e le sue motivazioni

Controlli, falsi allarmi, avvistamenti sospetti: ecco come, dopo Parigi, il nostro Paese reagisce alla minaccia dell'Isis

I costi economici del terrorismo

Dal 2000 ad oggi sono aumentati di dieci volte, e il rischio è che salgano ancora

Commenti