Tech & Social

Renzi: "Nel 2020 banda larga in tutta Italia"

Il premier presenta il piano nazionale che sarà sviluppato dall'Enel in collaborazione con aziende private

renzi_banda_larga

Redazione

-

"L'Italia ha come primo obiettivo da qui al 2020 di coprire il 100% a 30 mega bps, mentre l'altro obiettivo è arrivare al 50% di abbonamenti che arrivino a 100 mega bps": questo il proclama digitale del premier Matteo Renzi alla presentazione del piano nazionale per la banda larga, per il quale "c'è un fondo dello Stato con 4,9 miliardi di euro del Cipe, di cui 3,5 già stanziati e di questi 2,2 già andati ad aree che non sono di interesse di mercato".

224 città e una scommessa
Il progetto, che sarà sviluppato da Enel insieme ad alcune importanti aziende private, porterà la banda larga in 224 città, secondo quanto riferito sempre da Renzi, che ha poi sottolineato come "la scommessa vera è riuscire a farne un'occasione non solo per pochi addetti ai lavori ma per le persone, perché la vera banda larga porta un totale sconvolgimento e capovolgimento del fronte nel rapporto tra cittadini e amministrazione e informazione", mentre sul fronte ecomomico il commento del presidente del Cosniglio è stato che "le aziende ormai non chiedono più dov'è il casello stradale ma dov'è la connessione". 

Perché l'Enel
"Che c'entra Enel con la banda larga?", ha quindi proseguito Renzi. "Enel non ha smesso di occuparsi di energia e nella veste di presidente del Consiglio non posso non rinnovare l'entusiasta appoggio per il grande lavoro che sull'energia stanno facendo, anche con Enel Greenpower, leader mondiale sulle energie rinnovabili. Ma se Enel continua a fare la sua parte su energia tradizionale ed elettrica, è anche all'avanguardia sulla tecnologia".

© Riproduzione Riservata

Commenti