Ohlala la app per le escort

Una nuova applicazione nata in Germania fa incontrare la domanda e l’offerta di incontri a pagamento

Escort

– Credits: iStock

Stefania Medetti

-

Non solo Uber. Il modello di business ideato da Travis Kalanick non si applica più soltanto ai taxi, ma anche agli incontri a pagamento. Grazie a Ohlala, infatti, i clienti possono contattare le escort più vicine per organizzare gli incontri. La novità, sottolinea Tech Crunch, è rappresentata dal fatto che chi offre il servizio decide se l’incontro avrà luogo oppure no.

Disponibile per il momento solo a Berlino, Ohlala funziona così: un cliente posta la propria richiesta, specificando la zona della città dove si trova, il livello di prezzo che è disposto a pagare, l’orario dell’appuntamento e i propri desideri. L’annuncio viene inviato automaticamente a tutte le escort che si trovano nelle vicinanze e che, accettando la richiesta, possono chattare con il cliente, arrivare a un accordo e a un appuntamento. I clienti si possono iscrivere gratuitamente e i loro profili sono visibili solo dalle escort che considerano la richiesta. Il profilo delle escort, invece, resta riservato fino a che è stato raggiunto un accordo e confermato l’appuntamento. I contatti delle escort, inoltre, sono verificati telefonicamente.

La vera novità, secondo gli ideatori, è rappresentata dal fatto che Ohlala inverte le parti: non sono più gli uomini a scegliere le donne, ma le donne che scelgono i loro clienti, stabiliscono il prezzo e gestiscono la propria agenda di appuntamenti. La nuova applicazione, inoltre, non si limita a incrociare domanda e offerta in tempo reale, cosa che comunque i tradizionali annunci non sono in grado di fare, ma risolve contemporaneamente altri due problemi: la privacy (non ci sono profili pubblici) e la sicurezza per le due parti, senza contare l'eliminazione di eventuali intermediari.

Ohlala è stata ideata da Pia Poppenreiter, un’imprenditrice di Berlino, che lo scorso anno ha varato Peppr, il prototipo dell’attuale applicazione. Per la messa a punto della nuova versione, Poppenreiter ha lavorato a stretto contatto con le escort per capire cosa avrebbe potuto rappresentare una vera innovazione nel mercato. Per il momento, il servizio è disponibile tramite un sito internet, ma se sarà accettato dagli app store, diventerà un’app a tutti gli effetti.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Non solo Uber, 10 aziende che valgono miliardi

Da Airbnb a Ferrari sino alla catena di fast-food Shake Shack. Alcune società su cui la comunità finanziaria ha puntato (o sta per puntare) i riflettori

Uber: dove ha perso e dove ha vinto

Ecco la mappa della società che vale 51 miliardi di dollari

Ci sono più auto Uber che taxi a New York

Per la prima volta le autovetture nere che si chiamano con una app sorpassano in numero le tradizionali auto pubbliche gialle

Commenti