Tech & Social

Fake news, Unilever vs colossi del Web

Dai 9 miliardi investiti in marketing e advertising lo scorso anno al nulla: se non migliorerà il controllo dei contenuti deleteri

Fake-apertura

Luciano Lombardi

-

Proclami e promesse, tavoli di discussione e pagine di informazione con e sui media tradizionali, cambi di algoritmo e progetti innovativi in fase di lancio o di test. Eppure, le fake news, con il loro corollario di contenuti deleteri e di hater sono sempre lì a disturbare. E anche a far peggio, orientando scelte e opinioni, tanto più quando i riceventi sono le categorie più fragili ed esposte, giovani in primis.

L'aut aut di Unilever

In tutto questo caos, e di fronte all’assenza di rimedi efficaci dei responsabili e ai danni che continuano a essere prodotti, di reali vie d'uscita ancora non ce ne sono, al punto che Unilever, il colosso mondiale dei prodotti di largo consumo che sta costantemente nei primi posti delle classifiche degli investimenti pubblicitari, ha deciso per una risoluzione drastica, con aut aut rivolto ai giganti della comunicazione, da Google a Facebook, da Twitter ad Amazon, ovvero coloro che controllano oltre la metà del mercato mondiale della pubblicità digitale e quasi due terzi di quello americano, minacciandoli di interropere tutti gli investimenti in assenza di una risoluzione definitiva al problema.

Il rischio di un "effetto domino"

“Non investiremo in piattaforme o in ambienti che non proteggono i nostri bambini o che creano divisioni nella società e che promuovono rabbia e odio”, ha dichiarato il direttore marketing di Unilver, Keith Weed, “e daremo priorità a investimenti solo sulle piattaforme responsabili che sono impegnate nel creare un impatto positivo sulla società”, ha poi concluso rincarando la dose.

Se si considera che l’esborso del gruppo franco-olandese per il marketing e la pubblicità sui canali digitali lo scorso anno ha toccato i 9 miliardi di dollari è facile comprendere quale sia l’importanza dell’intimazione di per sé, ma anche quale sarebbe la portata sul mercato complessivo e sui fatturati delle piattaforme direttamente interessate qualora l’esempio di Unilever dovesse essere seguito da altri investitori.

Per saperne di più



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Fake news, il futuro sarà un incubo

Lo sviluppo della tecnologia rende semplice manipolare un video o clonare la voce altrui. Così le notizie false saranno ancora più credibili

Facebook ha trovato un modo migliore per combattere le fake news

Il social non segnalerà più le notizie dubbie ma affiancherà a queste articoli correlati che aiutino a comprendere le bufale. Ecco le peggiori del 2017

Fake news, ecco come contrastarle

Mauro Perrella, responsabile della reputazione on line di aziende e esponenti politici, spiega le contromisure per vincere contro bufale e bullshit

Contro le fake news l'unica arma è la cultura

Le false notizie per propaganda ideologica non sono nate con la Rete. La storia ce lo racconta. Oggi però serve il coraggio di essere scettici

Fake News: come funziona la macchina disinformativa russa

Vitaly Bespalov è la prima gola profonda che spiega le strategie del governo di Mosca per destabilizzare l’Occidente, tra post fasulli e meme

Commenti