Tasse

Tasse: tutto quello che pagheremo ad aprile 2018

Dall’Iva all’imposta di bollo, passando per la Tobin Tax. Senza dimenticare la pubblicazione del 730 precompilato

agenzia_Entrate_ufficio

Giuseppe Cordasco

-

Sarà un mese di aprile 2018 denso di appuntamenti fiscali quello appena iniziato. Nel corso di questi 30 giorni infatti, sono fissate una serie di scadenze che riguardano in parte versamenti di tasse da effettuare, come ad esempio quelli dell’Iva e della Tobin Tax, e in parte adempimenti burocratici di una certa importanza, come ad esempio la presa visione del modello 730 precompilato 2018 che sarà pubblicato sul sito dell’Agenzia delle entrate.

Per agevolare i contribuenti, la stessa amministrazione fiscale ha reso noto un calendario dettagliato delle scadenze tributarie di aprile. Vediamo allora quali saranno gli appuntamenti più significativi da segnare in rosso sul calendario.

3 Aprile

Si comincia subito, con una scadenza fissata già a inizio mese. È quella riguardante la consegna agli interessati della Certificazione Unica che contiene i dati fiscali e previdenziali relativi alle certificazioni da lavoro dipendente, assimilati e assistenza fiscale e alle certificazioni da lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi corrisposti nel 2017.

6 aprile

Per questa data è fissato invece, per chi opera con partita Iva, l’appuntamento con l’invio dello spesometro, ovvero l’elenco dei dati delle fatture emesse e ricevute nel secondo semestre solare del 2017.

16 aprile

Numerosi sono invece gli adempimenti la cui scadenza è fissata proprio per il 16 aprile. Innanzitutto, da questa data in poi sarà possibile prendere visione, sul sito dell’Agenzia delle entrate, dei nuovi modelli 730 precompilati, relativi ai redditi del 2017. Ricordiamo che i dati contenuti in queste dichiarazioni saranno modificabili fino a luglio, quando scadranno i termini per il loro invio definitivo all’erario.

Sempre per questa data è poi fissata la scadenza per il versamento dell’imposta sulle transazioni finanziarie, la Tobin Tax,  per le operazioni su strumenti finanziari derivati e su valori mobiliari effettuate nel mese precedente, insieme al versamento della seconda rata del saldo Iva relativo all’anno d’imposta 2017, con la maggiorazione dello 0,33% a titolo di interessi.

Infine, ancora entro il 16 aprile, sarà possibile regolarizzare i versamenti di imposte e ritenute non effettuati o effettuati in misura insufficiente entro il 16 marzo 2018, con una maggiorazione degli interessi legali e della sanzione ridotta a un decimo del minimo, il cosiddetto ravvedimento breve.

20 aprile

È prevista la trasmissione telematica della dichiarazione trimestrale Iva riepilogativa delle operazioni effettuate nel trimestre precedente, insieme al contestuale versamento dell’Iva dovuta in base alla stessa.

26 aprile

Scadono i termini per la presentazione degli elenchi riepilogativi (Intrastat) delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese nel primo trimestre del 2018 nei confronti di soggetti operanti all’interno dell’Unione europea.

30 aprile

Per l’ultimo giorno del mese invece è previsto il versamento della seconda rata bimestrale dell’imposta di bollo relativa alla dichiarazione presentata entro il 31 gennaio 2018.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Tasse, i punti in comune tra Lega e 5 Stelle

Salvini propone la Flat Tax mentre Di Maio vuole 3 aliquote. Accordo solo contro studi di settore e redditometro

Tasse, ecco le professioni più a rischio evasione

Barbieri, parrucchieri e fiorai presentano minor congruità nella dichiarazione dei redditi. Più diligenti invece amministratori di condominio e laboratori

730 precompilato 2017: le novità sulle spese sanitarie

Spostata al 9 febbraio la scadenza per le comunicazioni delle farmacie. E chi vorrà potrà continuare a inserire da sé i dati

730 precompilato: ecco quello che ancora non funziona

Nelle dichiarazioni di quest’anno le correzioni più frequenti hanno riguardato spese sanitarie, immobili e detrazioni

730 precompilato, come fare per scaricarlo e integrarlo

Da oggi la dichiarazione dei redditi è disponibile su internet. Ecco come può essere consultata e modificata (dal 2 maggio)

Aumenti Iva, perché governo e Parlamento sono in allarme

Il problema del possibile incremento delle aliquote, prima che dal nuovo esecutivo, potrebbe essere affrontato dalle commissioni speciali

Partite Iva, come funzionerà la nuova scheda carburante

Dal primo luglio si potranno dedurre le spese per benzina e diesel solo pagando con carte elettroniche e facendosi rilasciare fattura dai benzinai

Iva, ecco come l’Ue combatterà le frodi

Addio alle esenzioni per le compravendite transfrontaliere tra Paesi dell’Unione, un meccanismo che causava perdite per 50 miliardi di euro

Commenti