Tasse

Tasse, i punti in comune tra Lega e 5 Stelle

Salvini propone la Flat Tax mentre Di Maio vuole 3 aliquote. Accordo solo contro studi di settore e redditometro

Di Maio-Salvini

Andrea Telara

-

Flat Tax o Flop Tax? Nei mesi scorsi, prima del responso delle urne, i due vincitori delle ultime elezioni Lega e Movimento 5 Stelle si sono più volte punzecchiati sui temi del fisco. Il leader leghista Matteo Salvini ha infatti puntato molto sulla Flat Tax, la “tassa piatta” con una sola aliquota che dovrebbe sostituire le maggiori imposte oggi esistenti. Il candidato premier dell’M5S, Luigi Di Maio, l’ha invece ribattezzata Flop Tax, considerandola inapplicabile.

Sulle tasse, dunque, Lega e 5 Stelle non sembrano al momento concordi come lo sono invece sulle pensioni, un campo in cui hanno la comune volontà di cancellare del tutto (o quasi) la Legge Fornero, cioè la riforma previdenziale approvata nel 2011 dal governo Monti. Se mai si siederanno attorno a un tavolo per formare un governo assieme, Salvini e Di Maio dovranno dunque superare non pochi scogli per trovare un accordo quando parleranno di fisco. Ma ecco, più nel dettaglio, le loro posizioni a confronto.

Le tasse di Salvini…


Il pezzo forte della campagna elettorale della Lega è stata appunto l’introduzione di un’imposta con aliquota di appena il 15% che prenderebbe il posto dell’attuale irpef (l’imposta sui redditi delle persone fisiche che ha invece delle aliquote progressive per scaglioni). Ma la Flat Tax sostituirebbe anche l’iva, l’imu sulla seconda casa e il prelievo sulle rendite finanziarie. La Lega ha proposto anche una no tax area che esenta dal pagamento dell’imposta sui redditi chi guadagna meno di 12mila euro.

…e quelle di Di Maio


Il movimento fondato da Beppe Grillo e guidato da Luigi Di Maio ha proposto invece di mantenere l’attuale irpef riducendo però le aliquote a sole tre: una del 23% per chi guadagna tra 10mila e 28mila euro, una del 37% nella fascia di reddito tra 28mila e 100mila euro, e una terza del 42% sopra i 100mila euro. Il M5s ha proposto anche di abolire progressivamente l’irap partendo dalle imprese con meno di 5 addetti. 

I punti in comune


Ci sono anche alcune cose su cui Lega e 5 Stelle sono concordi o comunque non distanti. Entrambe le forze politiche hanno promesso (un po’ genericamente) di  abbassare le tasse grazie alla lotta all’evasione e alla spending review, la revisione di tutte le voci di spesa dello Stato. Sia Di Maio che Salvini, però, nella campagna elettorale hanno anche promesso di abolire o di rivedere diversi strumenti anti-evasione oggi esistenti come gli studi di settore, il redditometro o lo split payment sull’iva.

Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Matteo (Salvini), non fare l'errore di Matteo (Renzi)

Il successo può spingere il leader della Lega a muoversi da solo, come fece l'ex segretario del Pd nel 2014. Ma gli elettori moderati sono tanti e non è detto che si sentano rappresentati da lui

La difficile alleanza Salvini - Di Maio, spiegata bene

Dopo quella delle Camere si apre la partita per il governo: ma qui la poltrona è una sola e per ora nessuno sembra intenzionato a fare un passo indietro

Berlusconi e l'ircocervo Salvini-Di Maio

Così il leader di Forza Italia ha definito l'unione dei due leader in un governo di coalizione

Salvini vs Calenda sui governi Gentiloni e Renzi: prove di leadership

Scontro a suon di tweet tra il segretario della Lega e il volto "nuovo" del Pd, mai così ammaccato. Cos'è successo e cosa significa

Salvini bacia Di Maio: il murale vicino al Parlamento a Roma

Di Maio e Salvini, vincitori a metà obbligati a parlarsi

Improbabile l'alleanza, ma una convergenza serve a 5 Stelle e Lega per obiettivi circoscritti

Centrodestra: Salvini è il leader ma non faccia accordi separati con M5S

Il vertice della coalizione dice che il capo della Lega verrà proposto a Mattarella come premier. Ma non può fare il battitore libero

Le mosse possibili di Matteo Salvini dopo le elezioni

Mentre nel centrodestra si susseguono trattative, lui e la Lega sono diventati centrali nello scenario politico. Ecco come ha fatto e cosa potrebbe fare ora

La sfida tra Salvini e Di Maio per il prossimo governo

Uno si è preso la leadership del centrodestra. L'altro ha condotto i 5 Stelle a imporsi quale primo partito italiano. E ora spetta fare da arbitro a Mattarella, che pensa a un governo di scopo. Con un nome a sorpresa: Raffaele Cantone

Voglio un Salvini spericolato

La leadership del centrodestra se l'è guadagnata sul campo. Ma ora deve dimostrare di essere in grado di far crescere l'Italia e rassicurare l'Europa

Commenti